Autostrade, firmato l’accordo per la vendita: ai Benetton 2,4 miliardi di soldi pubblici

IVG.it ECONOMIA

Con questa mossa passano sotto il controllo pubblico 3mila chilometri di autostrade in Italia, con concessioni a lungo termine.

Sul piatto ci sono 9,5 miliardi per l’acquisizione completa

Hra e Atlantia hanno sottoscritto, tra l’altro, un contratto di compravendita per l’acquisizione dell’88,06% di Aspi.

A farlo sapere è lo stesso consorzio in una nota.

E’ stato raggiunto l’accordo con Atlantia per l’acquisizione dell’88,06% del pacchetto azionario di Autostrade per l’Italia da parte del consorzio composto da Cdp Equity, Blackstone Infrastructure Partners e Macquarie Asset Management. (IVG.it)

Su altre testate

HRA e Atlantia hanno sottoscritto, tra l'altro, un contratto di compravendita per l'acquisizione dell'88,06% di Aspi. Lo si legge in una nota del consorzio. (Il Sole 24 ORE)

editato in: da. Il dossier Aspi taglia il traguardo e dopo 22 anni le autostrade escono dalla galassia Benetton per tornare sotto l’ala pubblica. L’assemblea in via consultiva aveva, infatti, espresso parere favorevole con l’86,86% del capitale presente. (QuiFinanza)

"L'acquisizione, si legge in una nota del Consorzio, sarà fatta attraverso Holding Reti Autostradali S.p. Si prevede che l'acquisizione sarà completata nei prossimi mesi, dopo aver soddisfatto le consuete condizioni previste per il closing e aver ricevuto i necessari nulla osta da parte delle Autorità competenti (TG La7)

Autostrade per l’Italia è stata venduta al consorzio guidato da CDP, dopo trattative lunghe e a tratti complesse. Azioni Atlantia in primo piano dopo la vendita Aspi. A Milano Atlantia perde lo 0,38% alle ore 10.00. (Money.it)

economia. Il consorzio guidato da Cassa depositi e prestiti, controllata dal ministero dell'Economia, acquisisce 88,06% del pacchetto azionario di Autostrade per l'Italia. di Redazione Online/Flavia Fratello. (TG La7)

Di certo, possiamo affermare che la famiglia Benetton non lascerà Autostrade per l’Italia a mani vuote. Pertanto, dei circa 2,5 miliardi di “buonuscita” a cui i Benetton avranno diritto sulla base dell’offerta, 1,26 miliardi saranno a carico dei contribuenti italiani. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr