Mafia, boss Graviano: «Riuscii a concepire mio figlio al 41 bis grazie alla distrazione degli agenti»

Il Messaggero Il Messaggero (Interno)

Tremavo, tremavo», questo aveva raccontato Giuseppe Graviano al compagno di cella, non sapendo di essere intercettato in carcere dai magistrati del processo «Trattativa Stato-mafia».

A dirlo, collegato in videoconferenza, è Giuseppe Graviano.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.