Covid: Gimbe, in Sicilia completata vaccinazione al 21,8% PALERMO

Covid: Gimbe, in Sicilia completata vaccinazione al 21,8% PALERMO
Approfondimenti:
RagusaNews SALUTE

La media giornaliera di persone testate per 100.000 abitanti (12 maggio8 giugno) è pari a 164 (Media Italia 150); la percentuale di popolazione con ciclo completo di vaccianzione è pari al 21,8% a cui aggiungere un ulteriore 19% solo con prima dose; la percentuale di over80 con ciclo completo è pari al 69,2% a cui aggiungere un ulteriore 9,8% solo con prima dose; la percentuale di popolazione 7079 anni con ciclo completo è pari al 42,3% a cui aggiungere un ulteriore 30,1% solo con prima dose; la percentuale di popolazione 6069 anni con ciclo completo è pari al 32% a cui aggiungere un ulteriore 31,4% solo con prima dose

Lo dice il report della fondazione Gimbe. (RagusaNews)

La notizia riportata su altri giornali

E’ quanto si rileva dai dati emersi dal monitoraggio settimanale realizzato dalla Fondazione Gimbe. I calabresi appartenenti alla fasci 70-79 anni con ciclo completo è pari al 43,5% a cui aggiungere un ulteriore 35,1% solo con prima dose. (Quotidiano online)

In materia di vaccinazioni la percentuale di popolazione con ciclo completo è pari al 22,2% a cui aggiungere un ulteriore 21% solo con prima dose. Catanzaro - Nella settimana 2-8 giugno, per la Calabria, si evidenzia una performance in miglioramento sui casi attualmente positivi di Covid 19 per 100 mila abitanti, 460 (-20,2%), e risultano in diminuzione i nuovi casi rispetto ai sette giorni precedenti. (Il Lametino)

In tutte le regioni italiane si conferma comunque il calo dei nuovi casi settimanali alo dell'84% dei ricoveri per Covid nei reparti ordinari e -82% di quelli nelle terapie intensive. (AGI - Agenzia Italia)

"Il rischio di Astrazeneca aumenta al diminuire dell’età, per under 50 rischi maggiori dei benefici"

"In altre parole – precisa il presidente Cartabellotta – nel quadro epidemiologico italiano delle ultime tre settimane, nelle persone di età inferiore a 50 anni i rischi dei vaccini a vettore virale superano i benefici. (Telenord)

Ansa. "Da 12 settimane consecutive - dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - il trend dei nuovi casi si conferma in discesa, sia per la ridotta circolazione del virus come dimostra la riduzione del rapporto positivi/casi testati, sia per la costante diminuzione dell'attività di testing che da un lato sottostima il numero dei nuovi casi e dall’altro ribadisce la rinuncia al tracciamento dei contatti, proprio ora che la ridotta incidenza dei casi ne permetterebbe la ripresa” (Sky Tg24 )

"In altre parole - precisa Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE -, nel quadro epidemiologico italiano delle ultime tre settimane, nelle persone di età inferiore a 50 anni i rischi dei vaccini a vettore virale superano i benefici. (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr