11 settembre 2001, Bush: “Orgogliosi della nostra nazione ferita”

11 settembre 2001, Bush: “Orgogliosi della nostra nazione ferita”
Altri dettagli:
Il Sannio Quotidiano ESTERI

L’ex presidente ha ricordato come “vi fossero sentimenti confusi”: “c’era orrore per la dimensione della distruzione e shock per l’audacità del male e gratitudine per l’eroismo ed il valore con cui si è risposto”, ha detto Bush evidenziando “il sacrificio” dei soccorritori e la “solidarietà” mostrata da tutta la nazione.

E’ quanto ha detto George Bush nel discorso pronunciato oggi a Shanksville, Pennsylvania, per ricordare le vittime dell’11 settembre 2001. (Il Sannio Quotidiano)

Ne parlano anche altre fonti

L'ex presidente ha ricordato come "vi fossero sentimenti confusi": "c'era orrore per la dimensione della distruzione e shock per l'audacità del male e gratitudine per l'eroismo ed il valore con cui si è risposto", ha detto Bush evidenziando "il sacrificio" dei soccorritori e la "solidarietà" mostrata da tutta la nazione. (LiberoQuotidiano.it)

A vent’anni di distanza, gli Stati Uniti si sentono, oggi, più deboli e vulnerabili, mentre il tema della lotta al terrorismo continua ad essere uno dei principali fattori di divisione interna. (L'Indro)

"Dovevo dare a Bush un messaggio che il presidente non si sarebbe aspettato di sentire e che era praticamente incredibile", ha ricordato Card nello stesso documentario E che ripresero il momento in cui il capo di gabinetto della Casa Bianca, Andy Card, avvicinò Bush per parlargli sottovoce. (Tiscali.it)

Venti anni fa, Bush: “…L'America è sotto attacco!” - La Voce dell'Isola

"Le azioni del nemico hanno rivelato lo spirito di un popolo e noi siamo stati orgogliosi della nostra nazione ferita", ha aggiunto Bush che ha detto di essere stato "orgoglioso di guidare una nazione così resiliente". (SassariNotizie.com)

Non volevo barcollare sulla sedia, spaventare una classe piena di bambini e così ho aspettato". E che ripresero il momento in cui il capo di gabinetto della Casa Bianca, Andy Card, avvicinò Bush per parlargli sottovoce. (SassariNotizie.com)

“E poi vedo la stampa in fondo all’aula che comincia a ricevere lo stesso messaggio che ho ricevuto io. “Durante una crisi è veramente importante darsi un contegno e non panicare e allora ho aspettato il momento opportuno per lasciare l’aula. (La Voce dell'Isola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr