Il report che annienta gli ultrà del ddl Zan

Il report che annienta gli ultrà del ddl Zan
Più informazioni:
il Giornale INTERNO

Come pensate che la prenderanno i paladini del ddl Zan?

Per quanto riguarda il ddl Zan non intende fare altrettanto.

Per i due influencer, che si sono spesi in prima persona a favore dell'approvazione del ddl Zan, è sicuramente una doccia fredda, ma il vero che ne esce con le ossa rotte è Enrico Letta.

Il muro contro muro voluto da Letta finisce rischia ora di scontentare anche quei parlamentari che inizialmente si erano detti favorevoli al ddl Zan. (il Giornale)

Ne parlano anche altri giornali

È una legge che appoggiamo”. Così il leader in pectore del M5S, Giuseppe Conte, uscendo da Palazzo Chigi, al termine dell’incontro con il premier, Mario Draghi, rispondendo a una domanda dei cronisti (LaPresse)

E dunque il dibattito sul ddl Zan è stato inquinato. La domanda infatti è semplice: il Pd si è dimostrato veramente disponibile a trovare un compromesso per evitare di far schiantare il ddl Zan? (il Giornale)

Se Letta non accettasse, la legge Zan finirebbe male e tutta la responsabilità cadrebbe sulle spalle del Pd», avverte. Se per Renzi e Salvini è sacrificare una parte fondamentale della legge Zan, è evidente che per noi è irricevibile», precisa Mirabelli, chiudendo a Lega e Italia Viva. (il Giornale)

Ddl Zan, Letta: Confronto in aula ma non con chi è omofobo in Ue

L'onorevole Alessandro Zan - Ansa. COMMENTA E CONDIVIDI. . . . . . . In attesa della riapertura della discussione nell’Aula del Senato sul ddl Zan, le posizioni restano distanti, tra gli schieramenti. Dalla società civile, infine, anche un ex parlamentare di lungo corso della sinistra, Mario Capanna, si dice contrario al ddl. (Avvenire)

Questa volta ha tirato fuori un video in cui sua sorella mima penetrazioni vaginali scuotendo la testa davanti alle sue simulazioni del sesso tra due uomini. In altre parole, la signora sta dicendo ai bambini che lei vuole vedere peni che penetrano vagine, peraltro tirando in ballo pure il nome di Dio davanti a quelle sue fantasie sessuali. (Gayburg)

Noi dal confronto in Parlamento non ci tiriamo indietro assolutamente”. Chi è omofobo in Europa non può essere un interlocutore credibile in Italia, questo è il punto chiave (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr