Caso Pipitone, spunta profilo fake Instagram: “Sono la vera Denise, anche se potreste non crederci”

Caso Pipitone, spunta profilo fake Instagram: “Sono la vera Denise, anche se potreste non crederci”
NewSicilia INTERNO

Nell’immagine del profilo Instagram compare la ricostruzione dell’identikit effettuato dalla Procura di Marsala, mentre nella bio campeggia la scritta “Ragazzi sono la vera Denise” e un indirizzo di Milano – senza numero civico – con tanto di codice di avviamento postale.

L’account, che si spaccia come “ufficiale”, ha pubblicato alcune stories in un italiano approssimativo nelle quali spiega di essere “la vera Denise anche se potreste non crederci“. (NewSicilia)

Su altri giornali

(Continua dopo la foto). . . . . . . . Dopo che Matano ha mostrato il video di scuse del conduttore russo, l’avvocato della famiglia di Denise Pipitone è sbottato: “Queste scuse hanno fatto tutt’altro che piacere, in realtà è l’ennesima speculazione. (Caffeina Magazine)

"Ci abbiamo sperato senza mai perdere quella sana lucidità che dall'inizio della segnalazione abbiamo avuto, l'esser cauti Lo ha reso noto la mamma di Denise, Piera Maggio, con un post apparso sui propri canali social. (Fanpage.it)

Vicenda che non si arresta ed addirittura nella serata di ieri è stato realizzato un profilo fake della ragazza scomparsa nel lontano 2004 a Mazara del Vallo. (Bufale.net)

Denise Pipitone, appelli in tutto il mondo per trovarla. La mamma Piera: “Grazie per esserci”

Oggi abbiamo, in ogni caso ritenuto corretto trasmettere nota alla Procura della Repubblica di Marsala che valuterà se procedere ad ulteriori accertamenti» A dirlo sono la mamma di Denise, Piera Maggio e il suo avvocato, Giacomo Frazzitta: «Ieri preservando la privacy sul gruppo sanguigno di Denise e Olesya, durante il programma russo, è stato rivelato che il gruppo sanguigno di Olesya è diverso da quello di Denise. (Corriere della Sera)

Per intrattenere il gruppo rom, la guardia giurata chiese alla bambina se volesse mangiare qualcosa e lei rispose: una pizza. Denise Pipitone, l’uomo rompe il silenzio dopo 17 anni. Dopo ben diciassette anni, parla la guardia giurata che il 18 ottobre 2004 avvistò la piccola Denise in compagnia di alcune persone rom nei pressi di un istituto. (SoloGossip.it)

"Quando l'Aifa ha valutato Pfizer - ha ricordato De Luca - lo ha fatto in due settimane. Adnkronos. Vaccino Sputnik, la regione Campania attende l'approvazione dell'Aifa. (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr