Suicidio assistito, primo via libera in Italia

Suicidio assistito, primo via libera in Italia
Per saperne di più:
Il Sole 24 ORE INTERNO

Possibilità aperta dalla Consulta con la sentenza sul caso di Dj Fabo.

Si tratta di un camionista di Pesaro diventato tetraplegico dopo un grave incidente: aveva chiesto da oltre un anno all’azienda ospedaliera delle Marche che fossero verificate le sue condizioni di salute per poter accedere a un farmaco letale per porre fine alle sue sofferenze.

Dopo aver letto il parere, ha commentato: «Mi sento più leggero, mi sono svuotato di tutta la tensione accumulata in questi anni»

Adesso l’uomo ha ottenuto il via libera dal Comitato Etico, dopo una lunga battaglia nella quale è stato affiancato dall’associazione Coscioni. (Il Sole 24 ORE)

La notizia riportata su altre testate

“Suicidio assistito, primo via libera ad un malato italiano”, così titolano le testate che si occupano della vicenda di “Mario”, dopo il parere rilasciato dal Comitato etico regionale delle Marche. La versione integrale del parere non autorizza questa conclusione, intanto perché, nella confusione normativa attuale, se un qualsiasi Comitato etico avesse autorizzato un suicidio assistito avrebbe violato la legge, poiché sarebbe andato oltre le competenze che le varie disposizioni gli riconoscono. (Tempi.it)

Una battaglia che l’associazione Luca Coscioni ha fatto sua, promuovendo il referendum sull’eutanasia legale. Per la prima volta il comitato etico ha dato parere positivo alla richiesta di Mario, il nome è di fantasia, paziente tetraplegico marchigiano, che ha scelto di morire senza dover andare in Svizzera, dove il suicidio assistito è consentito. (SavonaNews.it)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te. In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. (Il Fatto Quotidiano)

Fine vita: Mina Welby, morte sia ultimo tabù, ora serve legge

Sono queste le parole di Mario, rese note dall’Associazione Coscioni, dopo aver letto il parere del Comitato etico. 23 Novembre 2021 14:27. Per la prima volta in Italia è stato dato il via libera per il suicidio assistito: le parole del malato. (Stretto web)

E', come detto, la prima volta che si ottiene una pronuncia in questo senso, con conseguente "via libera" Il camionista pesarese di 43 anni, tetraplegico da circa 10, a seguito di un tremendo incidente stradale, sarà il primo caso in Italia. (La voce di Rovigo)

Siamo in attesa che la legge di iniziativa popolare, per la quale abbiamo raccolto le firme nel 2010, venga discussa in commissione “Adesso il Parlamento non può più continuare a rimandare, rimandare, rimandare. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr