Benevento, appalti truccati: arrestato il presidente della Provincia Antonio Di Maria

Benevento, appalti truccati: arrestato il presidente della Provincia Antonio Di Maria
PUPIA INTERNO

“Il presidente della provincia non è indagato per corruzione”, ha chiarito in conferenza stampa il procuratore della Repubblica di Benevento Aldo Policastro.

“Il sistema corruttivo ha visto come protagonisti alti funzionari, esponenti delle amministrazioni locali, funzionari, tecnici e imprenditori della provincia di Benevento e in un caso della provincia di Caserta.

E’ indagato per turbativa d’asta il presidente della provincia di Benevento Antonio Di Maria, finito questa mattina agli arresti domiciliari nell’ambito di una inchiesta della procura sannita sugli appalti nelle province di Benevento e Caserta e nel Comune di Buonalbergo (PUPIA)

Su altri media

Nei confronti di quattro indagati è stato disposto inoltre il sequestro preventivo di somme di denaro pari a 49.500 euro. Sotto la lente degli investigatori, al momento, sono finite 11 procedure di assegnazione di lavori. (Stylo24)

45-48-49-50 per un importo di complessivi 535.363,86 euro, gestita dalla Provincia di Benevento. L’evento tuttavia non si è realizzato, per il rifiuto del dipendente (Realtà Sannita)

Un complicato intrigo di mazzette, tangenti e appalti pilotati con al centro la Provincia di Benevento. Accertato un giro di affari di quasi 50mila euro a fronte di appalti milionari e su tutto la figura proprio di Michelantono Panarese come deus ex machina dell’intero quadro accusatorio. (LabTV)

Architetto rifiuta la mazzetta e fa scattare inchiesta:

Le indagini sono partite dalla denuncia di un ingegnere che ha reso dichiarazioni spontanee recandosi nella caserma dei carabinieri di Benevento. Tra loro anche il presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, per il quale il reato contestato è turbativa d’asta. (CasertaCE)

“La notizia relativa agli arresti che hanno coinvolto anche la Provincia di Benevento deve destare preoccupazione e sollecitare una reazione immediata. “Dare continuità all’eventuale sistema che sta emergendo in queste ore - prosegue Maglione - sarebbe dare un segnale negativo all’intera comunità provinciale. (Realtà Sannita)

L’inchiesta, in particolare, riguarda 11 procedure pubbliche di appalto indette e/o gestite dalla Provincia di Benevento, dalla Provincia di Caserta e dal Comune di Buonalbergo. Nello stesso provvedimento del giudice è stato poi adottato per dieci professionisti, tutti della provincia di Benevento, il divieto temporaneo di contrattare con la pubblica amministrazione. (Edizione Caserta)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr