Covid, ad un anno dall'inizio della pandemia Marco Mengoni canta in piazza a Bergamo

Covid, ad un anno dall'inizio della pandemia Marco Mengoni canta in piazza a Bergamo
Giornale di Sicilia CULTURA E SPETTACOLO

Mengoni canterà una cover di Lucio Dalla, "L'anno che verrà", rivisitata in chiave attuale.

Ad un anno esatto dallo scoppio della pandemia da Coronavirus in Italia, Marco Mengoni canta in piazza a Bergamo, la città più colpita dal virus.

Tutto ebbe inizio il 21 febbraio del 2020 quando la rianimatrice Annalisa Malara dell'ospedale di Codogno insistette per sottoporre a tampone per il Covid un paziente, Mattia Maestri. (Giornale di Sicilia)

Ne parlano anche altri media

Ho scelto una canzone senza tempo, rappresenta il desiderio di ripartire in un momento collettivo così difficile». Prima della canzone, una breve riflessione sul dramma del 2020: «Per un attimo è sembrato un anno come gli altri. (Corriere della Sera)

Ma l’esibizione di Marco Mengoni sarà anche un’occasione per condividere tutti insieme un messaggio di speranza per il futuro. Bergamo – Marco Mengoni. In piazza Vecchia nel centro di Bergamo, la città divenuta tristemente il simbolo della pandemia in Italia, Mengoni intonerà le note di una delle canzoni più belle e intense della musica leggera italiana, “L’anno che verrà” di Lucio Dalla (Tuscia Web)

E così ci è sembrato il miglior modo per raccontare questo di tempo, fatto di preoccupazioni, incertezze, solitudine.un tempo dove è necessario ritrovarsi per capire cosa sia davvero importante” scrive su Facebook Marco Mengoni “L’anno che verrà è un brano senza tempo. (Corriere TV)

Bergamo, Marco Mengoni emoziona con “L’anno che verrà”: l’esibizione in Piazza Vecchia

In una piazza Vecchia deserta e buia illuminata dalle splendide parole del testo di Dalla e dalla voce dell’artista viterbese Ecco il video di Marco Mengoni, andato in onda su Rai Uno domenica 21 febbraio. (Prima Treviglio)

Un momento di riflessione collettiva, ad un anno esatto dall’esplosione della pandemia, sull'attualità che stiamo vivendo e di speranza per il futuro. Un'esibizione registrata negli scorsi giorni in Piazza Vecchia in Città Alta: protagonisti solo lui, pochi musicisti e una piazza buia e deserta. (BergamoNews.it)

“Una canzone può raccontare le nostre paure e le nostre speranze più di tante parole… Una canzone particolarmente evocativa, una città – la nostra Bergamo, assunta come emblema della tragedia ma anche come simbolo di forza e di resistenza – e un luogo di eccezionale bellezza, piazza Vecchia” ha commentato il sindaco di Bergamo Giorgio Gori su Instagram Il cantante ha magistralmente interpretato “L’anno che verrà” di Lucio Dalla (RADIO DEEJAY)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr