Ciclismo, Davide Cassani rifiuta l'offerta della Federazione italiana e termina la sua avventura in azzurro

OA Sport SPORT

Ora vedremo come la Federciclismo si muoverà per stabilire chi possa raccogliere il testimone, soprattutto per la gestione dell’organizzazione tra le varie specialità

Non va dimenticato, a proposito di pista, l’oro dal quartetto dell’inseguimento individuale alle Olimpiadi di Tokyo.

Davide Cassani non sarà più coinvolto in nessun modo nei progetti della Federciclismo.

Cala quindi il sipario sull’avventura azzurra dell’ex commentatore tecnico in Rai, iniziata nel 2014 nelle vesti di CT e di coordinatore delle varie selezioni nazionali. (OA Sport)

Ne parlano anche altri giornali

E il presidente Dagnoni? Per Davide Cassani il sogno azzurro è finito. (ilGiornale.it)

Un ruolo importante, che tuttavia Cassani non ha visto come adatto alla sua persona e al suo percorso, spiegando le sue motivazioni prima direttamente al nuovo presidente, poi al Consiglio Federale, per poi farlo anche pubblicamente. (SpazioCiclismo)

Davide Cassani spiega così il suo rifiuto al ruolo istituzionale che il presidente Cordiano Dagnoni gli aveva proposto all’interno della Federazione Ciclistica Italiana. È in quel fango che copre completamente Sonny che io ritrovo tutti i motivi del mio sconfinato amore per il ciclismo. (Cyclinside)

Io ero li' con Colbrelli, pedalavo con lui, stavo facendo a meta' di tutto; fango e sudore, speranza e fatica Davide Cassani ha spiegato così su Facebook perché ha rinunciato a ricoprire un nuovo incarico in Federazione. (Sport Mediaset)

L’ex ct della Nazionale di ciclismo, Davide Cassani, spiega tramite un post pubblicato sul suo profilo Facebook il perchè della rinuncia a ricoprire un nuovo incarico in Federazione. “E’ in quel fango che copre completamente Sonny che io ritrovo tutti i motivi del mio sconfinato amore per il ciclismo. (Sportface.it)

Lo ringrazio per quanto fatto in questi anni. Per questo motivo le porte delle Federazione per lui resteranno sempre aperte” (InBici)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr