Caos Rai dopo le polemiche su Fedez. Resta lo scontro nella maggioranza

Caos Rai dopo le polemiche su Fedez. Resta lo scontro nella maggioranza
TG La7 CULTURA E SPETTACOLO

politica. Domani sarà ascoltato in Commissione di vigilanza il direttore di Rai Tre Franco Di Mare che parla di parole gravi, infamanti e infondate da parte del rapper.

I partiti promettono di non occupare più Viale Mazzini

(TG La7)

Se ne è parlato anche su altre testate

=> Concertone Primo Maggio, Fedez contro Draghi e la Lega sul Ddl Zan e contro la Rai per la censura. Non ricordo da quanto tempo non si parlasse così tanto di un primo maggio. Ed anche in quel caso giunsero critiche di una banalità disarmante, su cui non torneremo su. (Periodico Italiano)

politica. Domani sarà ascoltato in Commissione di vigilanza il direttore di Rai Tre Franco Di Mare che parla di parole gravi, infamanti e infondate da parte del rapper. (TG La7)

E visto che adesso la vostra priorità sono loro, vi voglio fare una proposta: perché non chiedete ai tesorieri del vostro partito di decurtarvi una parte del 2x1000 che ricevete come finanziamento ai partiti e li date ai lavoratori dello spettacolo?” Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev In pochi mesi abbiamo raccolto oltre 4 milioni di euro. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Il ddl Zan spiegato a Fedez

Infine, come chiosa del discorso pubblicato via Instagram, Fedez ha posto un quesito al quale difficilmente potrà esserci -ahimè- una risposta ufficiale: Dopo le polemiche nate in seguito al discorso condivisibile di Fedez sul palco del Primo Maggio, sul web in molti hanno appoggiato e sostenuto il rapper. (Soundsblog.it)

(Adnkronos) - “Non si può morire così. Sicurezza sul lavoro, controlli a tappeto, rispetto delle regole: altro che 'festa dei lavoratori', queste devono essere per tutti le priorità. (LiberoQuotidiano.it)

È consapevole, Fedez, che la clausola salva idee non stempera affatto il potenziale liberticida del ddl Zan? Dimensioni testo Piccolo. (Nicola Porro)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr