Epulsione diplomatici, da Mosca minima apertura per Italia e Francia

Tiscali Notizie ESTERI

(askanews) - L'espulsione di diplomatici italiani dalla Russia "in base a un calcolo meramente aritmetico" indica "una minima apertura, pur mantenendo di base la reciprocità" di Mosca nei confronti del nostro Paese.

A inizio aprile il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha affermato che l'Italia avrebbe espulso 30 diplomatici russi "per motivi di sicurezza nazionale".

Il ministro degli Esteri tedesco Baerbock ha dichiarato che contrariamente ai diplomatici del suo paese, i diplomatici russi espulsi "non hanno servito la diplomazia per un solo giorno"

I dipendenti delle missioni diplomatiche dovranno lasciare il territorio della Russia entro due settimane. (Tiscali Notizie)

Su altri media

‘Le espulsioni sono un atto ostile, ma non chiudere i canali della diplomazia’, la replica del premier Draghi. ‘L’Italia prende atto’ della decisione di Mosca, fa sapere la Farnesina che ‘chiede con forza un immediato cessate il fuoco’ (Livesicilia.it)

Ha così preso in esame determinati prodotti e li ha analizzati. Sostanze nocive nei cibi affumicati, dove sono stati trovati e cosa comporta. Il Salvagente ha voluto capire se la tecnica di affumicatura che si effettua in alcuni cibi possa portare danno alla salute dell’uomo. (InformazioneOggi.it)

La Russia ha deciso l'espulsione di 24 diplomatici italiani dal Paese, in risposta a una misura analoga applicata dall'Italia a seguito della guerra russa in Ucraina. Sono state le "azioni apertamente ostili e immotivate" dell'Italia, con l'espulsione di 30 diplomatici russi il mese scorso, a portare all'analoga iniziativa di Mosca presa nei confronti di 24 diplomatici italiani. (Italia Oggi)

Mosca espellerà 24 dipendenti delle missioni diplomatiche italiane in Russia per rappresaglia in una mossa simile a quella italiana, secondo quanto riferito dalla portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharov (Il Sole 24 ORE)

Io penso che ci siano due questioni enormi: se c'è da stare tra Nato e Russia nessuno in Italia possa avere dubbi su da che parte stare. Non credo che ci sia una particolare attenzione sull'Italia ma c'è sicuramente una rottura tra Italia e Russia"!. (Liberoquotidiano.it)

Chiediamo alla Dr.ssa Silvia Briani, direttrice generale dell'Azienda ospedaliero-universitaria Pisana, se nel suo ospedale c'è una reale emergenza Ventuno milanesi in canoa, da Milano a Venezia: otto le tappe, da percorrere in meno di una settimana, al ritmo di 22 colpi al minuto. (Radio 24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr