Novità, vecchie conoscenze e un’Italia che piace: cosa resta dell’Australian Open

Novità, vecchie conoscenze e un’Italia che piace: cosa resta dell’Australian Open
La Gazzetta dello Sport SPORT

Nove finali, nove titoli sul suolo australiano per il serbo numero 1 al mondo che ha iniziato l’attacco finale agli altri due fenomeni.

Ecco quindi cosa ci ha lasciato l’Australian Open più strano di sempre.

Ma quando c’è di mezzo l’aria di Melbourne Novak Djokovic non fa prigionieri.

La semifinale contro Djokovic è stata la vetta della sua carriera, fino a ora passata tra i Challenger e gli Itf

Armata russa — Non bastava la definitiva consacrazione di Daniil Medvedev e Andrey Rublev, da oggi rispettivamente numero 3 e numero 8 al mondo. (La Gazzetta dello Sport)

Su altri media

Djokovic: "La gente vuole tornare alla normalità". “Vediamo cosa succederà” – ha risposto evasivamente Nole. In questo momento non ci sono certezze, sono tutte parole, quindi non voglio fare alcun commento su qualcosa che non ha nulla di effettivo” – ha aggiunto. (Tennis World Italia)

Una delle più grandi sfide della storia dello sport. Dopo più di un anno di inattività, Roger Federer tornerà a giocare un torneo l’8 marzo a Doha. Molti i quesiti che sorgono spontanei ai milioni di fan in tutto il mondo, su tutti “Ce la farà a tornare competitivo?”. (Tennis Fever)

Ha un modo di giocare fantastico e sinceramente, osservando il talento, credo che Nadal e Djokovic non gli siano neanche vicini". Le parole di Kyrgios sui Big Three Nel corso di una recente intervista Kyrgios ha affermato che nonostante sia a pari merito con Nadal e con Novak Djokovic che sembra ormai incombere, per lui Roger Federer è il più grande tennista di tutti i tempi. (Tennis World Italia)

Le pagelle dell’Australian Open: lo strappo di Nove Djokovic

Da ricordare che il cammino del serbo in terra oceanica non era iniziato al meglio a causa di un infortunio. L’ho fatto giorno dopo giorno. (OA Sport)

Se restringiamo la sfida agli incontri nel Grande Slam, invece, Novak batte Roger, 11-6, ma Rafa batte Novak, 10-6. Naturalmente i tre grandi della nostra era, come i loro illustri predecessori, non giocano soltanto per i quattro titoli del Grande Slam. (La Repubblica)

Ma come ho già detto, non è la prima volta – mi è successo molte volte in carriera. Non ne avevo idea fino a due ore prima degli ottavi, quando sono sceso in campo e ho giocato a tennis per la prima volta dopo il terzo turno. (Ubi Tennis)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr