Scelti i tre grandi elettori del Veneto: «Ma a Roma votano secondo partito»

Scelti i tre grandi elettori del Veneto: «Ma a Roma votano secondo partito»
Più informazioni:
Corriere della Sera INTERNO

C’è da dire comunque che questa scelta di eleggere consiglieri regionali, anche se non obbligata, ha consentito finora di verificare con certezza che fosse garantita la rappresentanza anche delle minoranze politiche, come richiesto dalla Costituzione».

Ci sono “verbali” delle passate elezioni in cui i delegati regionali venivano direttamente messi nel conto dei rispettivi partiti di appartenenza.

Per Zaia è la terza volta Per Zaia, caso più unico che raro, si tratta della terza volta consecutiva. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Quirinale, Zingaretti, Vincenzi e Ghera elettori per il Lazio. Roma - Il Consiglio regionale ha nominato i tre delegati che parteciperanno alle votazioni per eleggere il nuovo presidente della Repubblica (Tuscia Web)

Il Consiglio regionale del Veneto ha eletto oggi i tre delegati (i Grandi Elettori) che, come recita l'art. L'ELEZIONE DEL PRESIDENTE Grandi elettori veneti, il totonome per il Quirinale (Il Gazzettino)

“E’ un onore quello di rappresentare la Regione del Veneto all’elezione del 13esimo presidente della Repubblica”. Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto ha commentato con queste parole la sua designazione avvenuta quest’oggi a palazzo Ferro Fini a Venezia tra i grandi elettori chiamati a eleggere il successore del presidente Mattarella. (L'Eco Vicentino)

Quirinale, nominati i tre 'grandi elettori' del Veneto: Zaia, Ciambretti, Possamai

Per eleggere il Capo dello Stato ci vogliono nelle prime tre sedute il 75% dei voti, mentre dalla quarta votazione in poi basta la maggioranza del 50% dell’Aula. La votazione è avvenuta per appello nominale e voto segreto dei consiglieri presenti in aula. (veronaoggi.it)

La votazione è avvenuta per appello nominale e voto segreto dei consiglieri presenti in aula. Le votazioni per la scelta del successore di Sergio Mattarella inizieranno lunedì 24 gennaio. (Il Mattino di Padova)

Una cordata tutta al maschile, come sottolinea l’opposizione, quella nominata dal consiglio regionale, che oggi ha scelto di mandare a Roma il governatore Luca Zaia, il presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti e il capogruppo Dem, Giacomo Possamai. (il Resto del Carlino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr