Genova, in piazza Alimonda il ricordo di Carlo Giuliani

Genova, in piazza Alimonda il ricordo di Carlo Giuliani
LaPresse INTERNO

Dopo il raccoglimento da piazza Alimonda è partito un corteo non autorizzato e pacifico che ha attraversato la città

Un migliaio le persone in piazza.

Sono le 17.20 in piazza Alimonda, a Genova: è il momento di raccoglimento dedicato al ricordo di Carlo Giuliani, a 20 anni dalla sua morte per un colpo di pistola esploso da un carabiniere durante le manifestazioni del G8 del 2001.

Un minuto di silenzio per il giovane nel Ventennale della sua morte. (LaPresse)

Su altre testate

"E' stato incredibile lavorare con loro, la musica e il calcio uniscono la gente", ha affermato Garrix, presentando 'We are the people' (La7)

Il sabotaggio sarebbe avvenuto la notte del 18 luglio, ma non ci sono notizie in merito, dunque potrebbe risalire ai giorni scorsi oppure riferirsi a un sabotaggio fallito. Le parole sono chiare, un po' meno i fatti. (GenovaToday)

Lo ha detto a LaPresse Giuliano Giuliani, il padre di Carlo, manifestante ucciso in piazza Alimonda negli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine il 20 luglio 2001 durante il G8 di Genova. Giuliani ha parlato a margine dell’evento di piazza di oggi pomeriggio, un presidio per ricordare i fatti di Genova nel ventennale dal G8 (LaPresse)

Moro: «A Genova molti errori, ma le richieste erano giuste»

Era l'inizio del millennio, non c'era ancora stato l'11 settembre, c'era una certa dose di speranza di cambiamento nell'aria, o almeno io sentivo questo". Ci ritrovammo a notte fonda nella stanza di Bono nell'hotel a seguire le notizie, poi ci salutammo, lui il giorno dopo aveva il concerto degli U2 allo stadio di Torino. (La Repubblica)

In collegamento con L'aria che tira Estate su La7, Toni Capuozzo ricordo con dolore ma con l'obiettività del grande giornalista i fatti di Genova 2001, 20 anni dopo. Queste tre situazioni, spiega Capuozzo, "vanno analizzate separatamente senza nessuna bandiera, come la vidi da cronista". (Liberoquotidiano.it)

«Abbiamo uno spazio in più di dialogo coi Grandi, che nel 2001 non c’era» dice. Il Giubileo aveva suscitato grandi speranze perché aveva risposto a istanze condivise, a Genova si presentarono pezzi di realtà diverse. (Avvenire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr