Mercedes risponde alle accuse di Verstappen: “Non avremmo mai festeggiato se si fosse infortunato”

Mercedes risponde alle accuse di Verstappen: “Non avremmo mai festeggiato se si fosse infortunato”
Sport Fanpage SPORT

Mercedes risponde alle accuse di Verstappen: “Non avremmo mai festeggiato se si fosse infortunato” Il team principal della Mercedes ha spiegato il motivo dei festeggiamenti da parte del team e di Lewis Hamilton a Silverstone mentre Max Verstappen era ancora in ospedale dopo l’incidente al 1° giro: “Dalla Red Bull e dalla FIA abbiamo avuto notizie che fosse uscito illeso.

L'unica informazione che avevamo dunque era che Max stava bene, ed è per questo che non c'era bisogno di approfondire ulteriormente"

Non avremmo mai festeggiato se Max si fosse infortunato”. (Sport Fanpage)

Ne parlano anche altri giornali

Dopo la cessione di Vezzoni alla Pro Patria (vedi comunicato), l’Inter continua a vendere in Serie C. Alla Pro Sesto, i giovani Bagheria e Gianelli a titolo temporaneo. (Inter-News)

È questo il mantra su cui Max Verstappen ha costruito sin da ragazzino il suo approccio al mestiere di pilota. “Vivo solo il momento, una gara alla volta. (FormulaPassion.it)

"La situazione era molto tesa, ma il linguaggio che è stato utilizzato così come gli attacchi personali, sono di un livello che non avevamo mai visto prima in questo sport. 22 Luglio 2021. "Il linguaggio utilizzato è di un livello che mai avevamo visto prima in questo sport", ha dichiarato Wolff. (Sportal)

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

Non manca la tensione tra Red Bull e Mercedes, che in questo 2021 si stanno giocando i titoli piloti e costruttori in Formula 1. (AutoMotoriNews)

“L’accesso all’ufficio dei Commissari Sportivi è strettamente limitato ai Commissari Sportivi, al segretario dei Commissari Sportivi e all’operatore dei Commissari Sportivi. Si passa da una reprimenda, ad una multa, fino a decurtazioni di punti e – in casi estremi – alla squalifica (FormulaPassion.it)

È forse una delle frasi che chi, tra di voi, ha avuto il piacere di gustarsi quel capolavoro del fumetto che risponde al nome di Dago ha sicuramente colto. “Un duello non inizia nel momento in cui si incrociano le spade: inizia quando decidi di batterti”. (Motorsport.com, Edizione: Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr