Covid, in quali regioni è più diffusa la variante Omicron? Dati simili per Calabria e Sicilia: tutte le percentuali

Covid, in quali regioni è più diffusa la variante Omicron? Dati simili per Calabria e Sicilia: tutte le percentuali
Stretto web INTERNO

Di seguito il grafico completo con le percentuali di tutte le regioni

14 Gennaio 2022 16:47. Le percentuali di prevalenza della variante Omicron Regione per Regione in Italia: dati simili per Calabria e Sicilia. La variante Omicron il 3 gennaio, undici giorni fa, aveva in Italia una prevalenza dell’81%.

Nella punta dello stivale la percentuale di Omicron è del 71,4%, nell’isola del 78,8%.

Ci sono territori ancora “indietro”, dove è maggiore la presenza di Delta, mentre altri in cui la nuova variante è ormai totalmente presente. (Stretto web)

Ne parlano anche altri giornali

La variante Omicron avanza rapidamente in Italia (il 3 gennaio era all'81%) ma a macchia di leopardo nelle regioni. Delta non si è arresa soltanto in Valle d'Aosta, dove mantiene una prevalenza del 66,7% e Omicron è ferma al 33,3%. (Tiscali.it)

La variante è stata isolata per la prima volta in campioni raccolti l’11 novembre in Botswana e il 14 novembre in Sud Africa, e al 22 dicembre era stata isolata in 110 paesi – La variante Omicron in Toscana è già da tempo più che dominante in Toscana. (IlGiunco.net)

Delta non si è arresa soltanto in Valle d’Aosta, dove mantiene una prevalenza del 66,7% e Omicron è ferma al 33,3%. La variante Omicron del coronavirus SARS-CoV-2 è ormai largamente predominante in Italia con una incidenza dell’81% dei casi. (vulturenews.net)

In Calabria 7 positivi su 10 sono da variante Omicron. In Italia prevalenza dell'81%

«In Italia il 3 gennaio la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata all'81%, con una variabilità regionale tra il 33% e il 100%, mentre la Delta era al 19% del campione esaminato.» Sono questi i risultati definitivi dell'indagine rapida condotta dall'Istituto Superiore di Sanità e dal ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler (La Stampa)

Variabilità regionale dal 33,3% al 100%. In Italia, dunque, alla data del 3 gennaio, la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata all’80,75%, con una variabilità regionale tra il 33,3% e il 100%, mentre la Delta era al 19,22% del campione esaminato La situazione in Molise. (Il Quotidiano del Molse)

Lo afferma, in una nota, il deputato di Alternativa Francesco Sapia, che alla Camera siede in commissione Sanità e oggi ha raggiunto lo stesso Messina, a Villa San Giovanni, per esprimergli vicinanza e sostegno. (Quotidiano online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr