«Pensavo fosse un impegno di lavoro», le scuse traballanti di Boris Johnson

Ticinonline ESTERI

Il primo ha sottolineato che Johnson ha ammesso le proprie colpa «solo perché è stato beccato» sul fatto.

Avrà almeno la decenza di dimettersi?» Per il leader dell'opposizione, Johnson ha chiaramente ingannato il Parlamento e questo costituisce una chiara violazione di ogni regolamento.

E sì, anche lui chiede al premier di rassegnare le dimissioni per «il bene della risposta della sanità pubblica e gli standard della democrazia»

Scuse che arrivano «un po' troppo tardi». (Ticinonline)

Su altri media

"Signor speaker, devo scusarmi. Cosi' Boris Johnson si e' scusato per l'incontro avvenuto a Downing Street quando il Paese era ancora in lockdown (Tiscali.it)

Il primo ha sottolineato che Johnson ha ammesso le proprie colpa «solo perché è stato beccato» sul fatto Le bordate dal fronte laburista non si sono però limitate solo alla voce del suo leader. (Ticinonline)

Nuova bufera su Boris Johnson a causa di un party che si sarebbe tenuto nel giardino di Downing street il 20 maggio 2020, in pieno primo lockdown e al quale avrebbero partecipato almeno cento invitati. (ilGiornale.it)

Milano, 13 gen. (LaPresse) – Boris Johnson, all’indomani delle sue scuse alla Camera dei Comuni per il ‘partygate’, affronta appelli alle dimissioni da parte di alti membri del suo partito conservatore per avere partecipato alla festa nel giardino di Downing Street il 20 maggio del 2020, mentre il Regno Unito era in lockdown. (LaPresse)

Il premier britannico Boris Johnson è sempre più sotto pressione per il cosiddetto 'Partygate'. Secondo alcuni testimoni anche il primo ministro e sua moglie erano presenti all’evento. (AGI - Agenzia Italia)

"So che provano rabbia nei miei confronti per il governo che guido quando pensano che proprio a Downing Street le regole non vengono seguite correttamente dalle persone che le stabiliscono", ha detto Johnson in Parlamento. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr