Ikea, multa da un milione di euro in Francia per aver spiato i dipendenti

La Repubblica ESTERI

Due ex dirigenti di Ikea France sono stati condannati e multati per la vicenda e condannati a pene detentive sospese.

Un altro ex amministratore delegato di Ikea France è stato assolto per mancanza di prove

Tra gli altri 13 imputati nel processo, alcuni sono stati assolti e altri sono stati condannati con sospensione della pena, scrive l'agenza LaPresse.

Gli avvocati di Ikea France hanno negato che la società avesse una strategia di "spionaggio generalizzato". (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Per la vicenda la multinazionale dell’arredamento è stata condannata a pagare oltre un milione di euro di multe. Tra gli altri 13 imputati nel processo, alcuni sono stati assolti e altri sono stati condannati con sospensione della pena. (QuiFinanza)

Lo scandalo aveva gravemente scosso Ikea France, costretta infine a licenziare quattro dei suoi leader finiti poi a processo insieme ad altri responsabili dell’azienda. Condanna a due anni con sospensione della pena e multa da di 50. (Fanpage.it)

I sindacati hanno accusato Ikea France di raccogliere dati personali con mezzi fraudolenti, in particolare tramite file di polizia ottenuti illegalmente, e di divulgare illecitamente informazioni personali. (La Stampa)

Il Tribunale di Versailles ha condannato Ikea a pagare oltre un milione di euro (1,2 milioni di dollari) in multe per una campagna di spionaggio, non industriale, ma personale, su rappresentanti sindacali, dipendenti e, persino, su alcuni clienti insoddisfatti. (Euronews Italiano)

n tribunale francese ha ordinato a Ikea di pagare una multa da un milione di euro per aver raccolto e archiviato per anni in modo illegale i dati personali dei suoi dipendenti locali e di alcuni clienti. (AGI - Agenzia Italia)

Paris è stato multato di 10mila euro e condannato a 18 mesi con sospensione della pena. Un altro ex amministratore delegato di Ikea France è stato assolto per mancanza di prove. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr