Usa: Marina, chi non si vaccina sarà congedato

Usa: Marina, chi non si vaccina sarà congedato
LaPresse INTERNO

(LaPresse) – Tutti i militari americani in servizio attivo nella Marina che si rifiutano di essere completamente vaccinati contro il COVID-19 entro il 28 novembre saranno congedati.

Le prescrizioni fissano anche una data ultima per la vaccinazione completa di tutti i marinai della Riserva entro il 28 dicembre.

Lo prevedono le nuove linee guida della Us Navy, citate dai media Usa.

“I marinai devono essere preparati a svolgere la loro missione in ogni momento, in tutto il mondo, anche dove i tassi di vaccinazione sono bassi e la trasmissione di malattie è alta”, si legge nelle linee guida

(LaPresse)

Su altri giornali

Roma, 14 ott. (LaPresse) -. (LaPresse)

Roma, 14 ott. Nei primi otto mesi del governo Draghi, ne ha adottati 62 per un valore di 10,4 miliardi di euro”, e “altri 20 sono in via di definizione, riducendo drasticamente il numero di atti pendenti derivanti anche da norme approvate negli anni scorsi” (LaPresse)

“Si tratta di una misura rivoluzionaria e che esprime fiducia nei vostri confronti per essere stati capaci di portare avanti le vostre battaglie per un mondo migliore – aggiunge - Ieri, 13 ottobre 2021, è scaduto il termine per la presentazione delle firme per un eventuale referendum confermativo che non sarà necessario indire”. (LaPresse)

Riforme: D’Incà, scaduto termine per referendum, voto 18enni Senato è realtà

Primi impegni nel decreto fiscale. Una serie di impegni che il Governo potrebbe tradurre in norma già nei prossimi giorni all’interno del decreto fiscale collegato alla manovra. Intervallo della dilazione da definire. (Il Sole 24 ORE)

"E' in corso di valutazione da parte del governo l'inserimento in uno dei prossimi provvedimenti normativi di un pacchetto di norme che, in considerazione degli effetti economici dell'emergenza Covid.19, intervengano tra l'altro, sui termini di pagamento delle cartelle notificate nel periodo dal primo settembre 2021", ha detto Freni, aggiungendo che in particolare si sta studiando "la rimodulazione dei termini per pagare le rate della 'Rottamazione Ter', e del 'saldo e stralcio' e l'estensione del numero di rate il cui mancato pagamento determina la decadenza dei provvedimenti di rateizzazione in corso prima dell'inizio della sospensione Covid-19". (la Repubblica)

Cartelle notificate dal 1° settembre 2021, proroga di 150 giorni per i pagamenti: a chiederlo è la risoluzione approvata in Commissione Finanze della Camera il 12 ottobre, in vista della riforma della riscossione. (Informazione Fiscale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr