Coronavirus, l'Unione Europea riapre le frontiere a 15 Paesi, compresa la Cina

Coronavirus, l'Unione Europea riapre le frontiere a 15 Paesi, compresa la Cina
la Repubblica la Repubblica (Esteri)

L’elenco rappresenta una sorta di linea guida per i governi dell’Unione, detentori della competenza esclusiva sulle loro frontiere.

- Dopo settimane di discussioni e incognite politiche, l’Unione europea approva la lista dei 15 Paesi ai quali riaprirà i confini a partire da domani, mercoledì primo luglio.

La notizia riportata su altre testate

La lista sarà rivista ogni 14 giorni. Una scelta già ampiamente annunciata nei giorni scorsi, e che anche Washington, come da giorni riportavano i media americani, davano ormai per scontata. (Il Fatto Quotidiano)

Il segretario di Stato statunitense Mike Pompeo ha spiegato che sta negoziando con alcuni paesi europei per la riapertura delle frontiere e che ce ne sono “almeno una dozzina” favorevoli a ripristinare i collegamenti, benché non abbia specificato quali. (Buongiorno Slovacchia)

Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Giugno 2020, 16:19. . , l'domani riapre a 15 Paesi, compresa la. L'Italia ha votato a favore. (Leggo.it)

Possono, in piena trasparenza, eliminare solo progressivamente le restrizioni di viaggio verso i paesi elencati, precisa la nota. L'elenco comprende 15 paesi: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay e la Cina, soggetta alla conferma della reciprocità. (Gazzetta di Parma)

Verso l’apertura delle frontiere extra Ue. Non è da escludere, peraltro, che la lista possa essere presto allargata. Si tratta di linee guida condivise per l’apertura delle frontiere extra Ue, ma ogni stato membro è in teoria libero di scegliere a quali paesi aprire i propri confini. (Il Reporter)

Ma le autorità prima di concedere l’ok all’ingresso di cinesi vorrebbero che la controparte facesse lo stesso con i cittadini europei. Il Regno Unito, che continua ad avere un alto numero di contagi, formalmente è ancora considerato un Paese membro in attesa che si compia la Brexit. (idealista.it/news)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr