Cortesano: Deborah Saltori uccisa con un’accetta dall’ex marito

Cortesano: Deborah Saltori uccisa con un’accetta dall’ex marito
Ck12 Giornale INTERNO

Leggi anche -> Porto Viro, lite in famiglia: 29enne uccide il padre a martellate. Cortesano: Deborah Saltori uccisa con un’accetta. La comunità di Cortesano, piccola frazione di Trento, è scioccata per quello che è accaduto nelle ultime ore.

Verso le 15:30 di questo pomeriggio, 22 febbraio, Lorenzo Cattoni, 39 anni e imprenditore agricolo della zona, ha ucciso barbaramente con un’accetta la sua ex compagna Deborah Saltori, di anni 42. (Ck12 Giornale)

Ne parlano anche altre testate

Secondo TrentoToday ci sarebbero evidente incontrovertibili che a uccidere Deborah Saltori sia stato Lorenzo Cattoni, 39 anni, imprenditore agricolo. Deborah Saltori, 42anni, madre di quattro figli, è stata uccisa dall’ex compagno, che poi ha provato a togliersi la vita. (Today.it)

Accade a Cortesano, piccolo centro a pochi km da Trento, dove un imprenditore agricolo di 39 anni, Lorenzo Cattoni, avrebbe ucciso la moglie Deborah Saltori, di 42 anni, sembra utilizzando un’accetta e colpendola alla carotide. (Blitz quotidiano)

La strage non si ferma, ogni giorno. Queste le parole di Franco Ianeselli, sindaco di Trento. (il Dolomiti)

"Prima Agitu, adesso Deborah, ci dobbiamo tutti interrogare", il messaggio del sindaco di Trento Ianeselli

A Trento Deborah Saltori è l’ennesima vittima di un femminicidio in Italia. A rendere la tragedia ancora più insostenibile, il fatto che Deborah a Trento viveva con i suoi quattro figli, tutti minorenni. (Leggilo.org)

Nelle campagne di Maso Saracini nella zona di Cortesano, una piccola frazione a nord nel comune di Trento, un imprenditore agricolo, Lorenzo Cattoni, ha ucciso l'ex moglie, Deborah Saltori, con un'accetta, colpendola ripetutamente nella zona della carotide. (QUOTIDIANO.NET)

"Rischiamo di non trovare più parole adatte, non scontate, di fronte alle uccisioni di donne. Eppure io credo che dobbiamo fermarci e trovarle. (l'Adige)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr