Roma - Papa Francesco: vincere la mentalità della guerra e condividere i vaccini con Paesi poveri

Roma - Papa Francesco: vincere la mentalità della guerra e condividere i vaccini con Paesi poveri
dedalomultimedia.it ESTERI

Roma - Papa Francesco: vincere la mentalità della guerra e condividere i vaccini con Paesi poveri. Nel suo messaggio pasquale Papa Francesco ha espresso un forte appello a condividere i vaccini con i Paesi più poveri e a vincere la maentalità della guerra.

“Il Signore - afferma - ispiri l’agire delle autorità pubbliche perché a tutti, specialmente alle famiglie più bisognose, siano offerti gli aiuti necessari a un adeguato sostentamento”

Nell’abbracciare la Croce Gesù ha dato senso alle nostre sofferenze e ora preghiamo che gli effetti benefici di questa guarigione si espandano in tutto il mondo. (dedalomultimedia.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il Papa si associa così alla richiesta internazionale per la liberazione dei soldati armeni che sono ancora nelle mani dell'Azerbajan APPROFONDIMENTI ROMA Pasqua, Papa Francesco celebra la messa nella Basilica di San Pietro. (ilgazzettino.it)

Ciò è ancora più evidente in questo tempo in cui tutti siamo chiamati a combattere la pandemia e i vaccini costituiscono uno strumento essenziale per questa lotta ", ha detto Papa Francesco. Nelle preghiere del Papa sono state ricordate tutte le guerre e tutti i conflitti attualmente in atto sul pianeta (ilGiornale.it)

Ciò è ancora più evidente in questo tempo in cui tutti siamo chiamati a combattere la pandemia e i vaccini costituiscono uno strumento essenziale per questa lotta”. “Cristo risorto è speranza per quanti soffrono ancora a causa della pandemia, per i malati e per chi ha perso una persona cara. (Il Riformista)

Papa Francesco, l’attacco di Pasqua: «Scandaloso che aumentino le armi con la pandemia: basta ritardi sui vaccini per i Paesi poveri»

vaticano. Tra misure anti-Covid e ristretta partecipazione di fedeli, Bergoglio celebra messa. Durante la benedizione Urbi et Orbi esorta la comunità internazionale a superare ritardi ed egoismi nella distribuzione dei vaccini. (TG La7)

“Il Crocifisso Risorto – dice Bergoglio- è conforto per quanti hanno perso il lavoro o attraversano gravi difficoltà economiche e sono privi di adeguate tutele sociali. Il Signore ispiri l’agire delle autorità pubbliche perché a tutti, specialmente alle famiglie più bisognose, siano offerti gli aiuti necessari a un adeguato sostentamento” (Il Primato Nazionale)

«Tutti, soprattutto le persone più fragili, hanno bisogno di assistenza e hanno diritto di avere accesso alle cure necessarie», ha detto. Al termine della messa, Bergoglio ha tenuto il messaggio dell’Urbi et Orbi, e nell’omelia ha sollevato temi di strettissima attualità. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr