1 maggio, fonti: Nota su Fedez non sottoposta a presidenza Rai

1 maggio, fonti: Nota su Fedez non sottoposta a presidenza Rai
LaPresse CULTURA E SPETTACOLO

Torino, 1 mag.

È quanto si apprende da fonti della presidenza Rai

(LaPresse) – “La nota inizialmente diffusa dalla Rai su Fedez e il Concerto del Primo maggio non era stata sottoposta preventivamente all’approvazione del presidente Foa come di consueto”.

(LaPresse)

Se ne è parlato anche su altre testate

APPROFONDIMENTI LA POLEMICA Concerto Primo Maggio, Fedez contro la Rai: «Artista libero di. Fedez arriva al Concerto del Primo Maggio 2021 e le canta e le suona ai politici, al termine del suo passaggio con le hit "Problemi con tutti", "Bimbi per strada" e "Bella storia". (ilmessaggero.it)

(LaPresse) – “Io vado al concertone a gratis e pago i miei musicisti che non lavorano da un anno e sul palco vorrei esprimermi da uomo libero senza che gli artisti debbano inviare i loro discorsi per approvazione preventiva da voi politici. (LaPresse)

L'allarme è stato lanciato da senatori e deputati della Lega in commissione vigilanza Rai: " Se Fedez userà a fini personali il concerto del 1 maggio per fare politica, calpestando il senso della festa dei lavoratori, la Rai dovrà impugnare il contratto e lasciare che i sindacati si sobbarchino l'intero costo dell'evento ". (il Giornale)

Primo Maggio, "panico in Rai per Fedez": il monologo sul ddl Zan, "Lega e Vaticano sotto attacco"

Il rapper commenta poi così la nota emanata dai parlamentari della Lega:. Questa comunicazione prima ancora che io salga sul palco è da brividi. Ovviamente da persona libera mi sono assunto tutte le responsabilità e le conseguenze di ciò che dico e faccio. (Tvblog)

Prima di salire sul palco svela: “Il mio intervento sottoposto ad approvazione politica”. Fedez al Concerto del Primo Maggio 2021 di Roma. (CheDonna.it)

Il sito di Roberto D’Agostino dà conto del panico che si sarebbe scatenato a viale Mazzini per il monologo che terrà Fedez sul controverso ddl Zan. Poco dopo è arrivata la nota ufficiale firmata da deputati e senatori del Carroccio che fanno parte della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai. (Liberoquotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr