Festa di Roma, Marco Giallini nell'ultimo film con Gigi Proietti: 'Sono riuscito a farlo ridere'

Festa di Roma, Marco Giallini nell'ultimo film con Gigi Proietti: 'Sono riuscito a farlo ridere'
Repubblica TV CULTURA E SPETTACOLO

In 'Io sono Babbo Natale' Marco Giallini affianca Gigi Proietti nell’ultimo film.

Il film di Edoardo Falcone è una favola delicata presentata in preapertura della Festa di Roma, uscirà con Lucky Red, il 3 novembre, il giorno dopo l’anniversario della nascita e della scomparsa di Proietti.

L’attore qui interpreta un signore che dice di essere Babbo Natale.

È stato bellissimo lavorare con lui e la cosa di cui sono più orgoglioso è di essere riuscito a farlo ridere”. (Repubblica TV)

Su altri media

Leo ne è anche produttore insieme a Fulvio e Paola Lucisano con Paola Ferrari, Italian International Film, Alea Film, Rai Cinema, in associazione con Politeama e Lexus Nato da un'idea di Edoardo Leo e da lui anche diretto, “Luigi Proietti detto Gigi” è scritto insieme a Marco Bonini con la fotografia di Giulia Bertini e le musiche di Jonis Bascir. (Sky Tg24 )

Io sono Babbo Natale, l’ultimo film di Gigi Proietti. Se le parole di Marco Giallini danno l’esatta idea del grande vuoto lasciato da Gigi Proietti in amici e colleghi, la proiezione del film Io sono Babbo Natale alla Festa del Cinema di Roma ne è stata l’ulteriore conferma Uno di questi è Marco Giallini, l’attore romano che di recente abbiamo apprezzato in tv nello show Lui è peggio di me, con Giorgio Panariello. (DiLei)

«Non tanto, sto sempre a lavorare.Ma in questo periodo guardo le serie e mi sono appassionato a Squid Game, su Netflix Sono cresciuto guardandolo recitare e cercando di assorbire la sua arte, come del resto quella degli altri giganti della sua generazione. (Il Messaggero)

Io sono Babbo Natale, l’ultimo film con Gigi Proietti. Marco Giallini: “Un privilegio lavorarci…

Poter lavorare con lui è stato un grande ‘dono’ Parole che potrebbero sembrare retoriche, ma che acquistano ben altro valore alla luce di quello che era questa persona. (Sky Tg24 )

E sul mostro sacro che ha diretto per l'ultima volta, aggiunge: «Gigi aveva uno spirito fanciullesco, era sempre puntuale e disponibile, tra un ciak e l'altro ci raccontava le storielle. Di lui mi porterò sempre dietro la grande umanità, sono orgoglioso di aver fatto questo lavoro con lui» (Leggo.it)

Gigi era diventato come un padre per me, mi ero accorto che non stava bene ma non immaginavo fino a quel punto.” E qui la voce di Marco Giallini si spezza, difficile trattenere la commozione ricordando la persona e l’attore Gigi Proietti (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr