Fiorentina-Juventus 2-0, Italiano stacca il biglietto per la Conference League

Corriere Fiorentino SPORT

Perché la Conference League non sia (solo) una grande gioia ma (soprattutto) un punto di partenza

Né Cabral, né Ikone, quindi, ma Piatek (che non giocava titolare dalla sfida con l’Udinese) e Saponara.

Uomini a parte però, tutto stava nel capire se rispetto ai tre precedenti incroci con la Juve sarebbe cambiato qualcosa.

Il problema, così com’era stato negli altri incroci con i bianconeri, è che la supremazia viola è stata sostanzialmente innocua. (Corriere Fiorentino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Reti di Duncan al 46' e di Gonzalez su rigore al 92. I primi minuti sono molto intensi da ambo le parti, nonostante non si contino occasioni degne di tale nome. (TorinoToday)

mag. Via alla ripresa dopo la pausa. Qualche minuto in più di intervallo con le squadre già rientrate dagli spogliatoi per la necessità di riparare la rete della porta in cui è stato segnato il gol a fine primo tempo. (La Gazzetta dello Sport)

Chiellini 6: controlla sempre alla sua maniera, unica occasione pericolosa dalle sue parti quella che porta al rimpallo che mette Ducan nelle condizioni di segnare. (Dal 25' st Ikoné 6: entra in una fase di stanca, quando c'è da ripartire in contropiede, si vede poco). (leggo.it)

Sorride perché torna in Europa anche se domani dovrà scrivere il suo domani in un summit con Vincenzo Italiano. Con la Juventus, per i gigliati, è una partita sempre speciale ma stavolta per Firenze aveva solo un significato (TUTTO mercato WEB)

Queste le parole sul social del centrocampista: “Finita la mia undicesima stagione con questa maglia, la più bella. Chissà se il vero e proprio colpo del prossimo anno del centrocampo della Juventus sia proprio Fabio Miretti (Calcio In Pillole)

20′ Corner viola, con Perin che smanaccia di pugno 69′ Altro cambio per la Fiorentina: dentro Ikoné per Saponara. (Fiorentina.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr