Quanti soldi diamo a Tripoli per fermare i migranti? - Global

Quanti soldi diamo a Tripoli per fermare i migranti? - Global
quoted business INTERNO

Oltre alla discutibile scelta etica, non è per nulla chiara la destinazione reale di questi fondi.

Il provvedimento ha riguardato la proroga della partecipazione del contingente della Guardia di finanza e dell’Arma dei carabinieri alla missione bilaterale in Libia, il sostegno alla cosiddetta guardia costiera libica, alla missione europea Eunavfor Med Irini nel Mediterraneo centrale e a quella Nato Seaguardian. (quoted business)

Su altri giornali

I due sono stati eletti alla guida del paese lo scorso febbraio a Ginevra, dal Forum di dialogo politico libico, per rafforzare il cessate il fuoco tra le due fazioni rivali, che hanno incendiato la Libia con una guerra civile dal 2015. (Agenzia Stampa Italia)

“In Libia i migranti vivono in condizioni inumane e atroci, come confermato da tutte le organizzazioni internazionali. E ancora: “Il problema dell’immigrazione per la Libia non nasce solo sulle coste, ma si sviluppa anche ai confini meridionali. (Farodiroma)

Seguendo le orme di altri leader europei che hanno recentemente incontrato il nuovo governo ad interim libico, il primo ministro Mario Draghi ha tenuto colloqui con il primo ministro Abdelhamid Dabaiba. (Generazione Scuola)

Italia-Libia: Natili Micheli (Cif), "silenzio sulla questione umanitaria dell'immigrazione, da Draghi ci aspettavamo maggiore fermezza e chiarezza"

A Tripoli il premier ha visto il suo omologo libico Dabaiba, da poco eletto a capo di un nuovo governo di unità nazionale. Martedì 6 aprile il presidente del Consiglioinsieme al ministro degli Esteri Di Maio. (Radio Onda d'Urto)

Con questo nuovo approccio nasce la visita di ieri a Tripoli del Premier italiano Mario Draghi, la sua prima visita all’estero. Ed è su questa vitale risorsa che si misurerà la tenuta dell’accordo di Ginevra e il futuro del Paese. (Avanti!)

Così Renata Natili Micheli, presidente nazionale del Centro italiano femminile, commentando la visita del premier italiano ieri a Tripoli. (Servizio Informazione Religiosa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr