Lido di Venezia, addette alle pulizie delle spiagge comunali costrette a dormire negli spogliatoi

Lido di Venezia, addette alle pulizie delle spiagge comunali costrette a dormire negli spogliatoi
La Nuova Venezia CULTURA E SPETTACOLO

Accade nell’area di Venezia Spiagge, la società del Comune, che sostiene: “All’oscuro di tutto”.

Venezia, le addette alle spiagge comunali costrette a dormire in spogliatoi senza abitabilità. Qui, a poche decine di metri dall’ingresso, si apre un’area adibita a cantiere.

Venezia Spiagge - società di cui il Comune da maggio è è diventato titolare al 100% - ha già fatto sapere di essere all’oscuro di tutto, e di aver già avviato verifiche interne. (La Nuova Venezia)

Su altre testate

Si dice che spesso chi viaggia non sappia dove andare, ma sa quale esperienza vuole vivere. Uno dei circuiti più importanti al mondo, che rileva standard di qualità altissimi, è il Preferred Hotels & Resort, il quale rappresenta circa 750 strutture al mondo. (VeneziaToday)

Lunedì ci sono stati 33 nuovi casi con i positivi che salgono a 635. Il focus è sulle località balneari: nell’ultima settimana ci sono stati 36 nuovi casi nell’area Usl 4: uno su tre a Jesolo. (Corriere della Sera)

Non dopo aver ricollocato i cavi, naturalmente. MURANO. Ma questo non è l’unico schiaffo alla storia di Murano (La Nuova Venezia)

Contagiati in ospedale a San Donà, l’ira dei familiari. «Non è possibile, chi ha sbagliato paghi»

Tutto sommato è una misura che condivido personalmente: più Green pass, più vaccinati abbiamo, e più riusciremo a uscire da questa pandemia. Categorie del Veneziano d’accordo sul Green pass nei luoghi di lavoro. (La Nuova Venezia)

Con l’autunno poi, la regionale 11 che affianca il corso del Naviglio da Malcontenta a Stra passando per Dolo e Fiesso sarà vietata al traffico dei camion. A spiegarlo è il sindaco di Mira Marco Dori che è anche presidente della Conferenza dei Sindaci della Riviera del Brenta. (La Nuova Venezia)

Poi il nonno si aggrava, aveva già delle patologie importanti, quindi viene ricoverato a San Donà, in Medicina. Il nonno ci chiama, grazie al buon cuore di qualche infermiera e ci chiede di andare lì, ma non possiamo. (La Nuova Venezia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr