Barr contro Trump, "basta tweet, così rende impossibile il mio lavoro"

L'HuffPost L'HuffPost (Esteri)

“Il presidente dovrebbe dare ascolto all’Attorney General”, ha detto McConnell intervistato dall’emittente Fox News, tradizionalmente schierata con il partito repubblicano.

“Non mi farò bullizzare o influenzare da nessuno”, ha detto Barr nell’intervista a Abc News, includendo nella lista “il Congresso, i giornali, gli editoriali, o il presidente.

Ne parlano anche altre testate

"Non mi farò bullizzare o influenzare da nessuno", ha detto Barr nell'intervista a Abc News, includendo nella lista "il Congresso, i giornali, gli editoriali, o il presidente. (Afp). I continui tweet di Donald Trump su questioni di giustizia e su procedimenti in corso rendono "impossibile" il lavoro del ministro della Giustizia William Barr (Adnkronos)

A sorpresa il procuratore generale William Barr, in genere più che fedelissimo nei confronti del suo presidente, ha dichiarato che i tweet e le dichiarazioni pubbliche del presidente Trump gli rendono “impossibile” svolgere il suo lavoro con efficacia. (Business Insider Italia)

La sua uscita è l'ultimo episodio in una crisi senza precedenti dai tempi di Richard Nixon all'interno del Dipartimento di Giustizia, scosso da una crisi di credibilità per le pressioni esplicite di Trump. (la Repubblica)

Sindaco gay si candida alla Casa Bianca: l'abbraccio col compagno. Donald Trump getta acqua sul fuoco delle polemiche dopo che il conduttore radiofonico Rush Limbaugh, da lui premiato con la medaglia della libertà, ha messo in discussione l'eleggibilità del candidato presidenziale dem Pete Buttigieg in quanto gay. (La Stampa)

Un cortocircuito inatteso, quello andato in scena negli USA. In difesa di Buttigieg anche Joe Biden, suo rivale democratico nella corsa alla Casa Bianca: “Avete appena sentito Rush Limbaugh, mio Dio, è parte della depravazione di questa amministrazione. (Gay.it)

Trump vincerà, ma sussistono forti dubbi che questo successo sarà nell’interesse a lungo termine degli Stati Uniti stessi, e dei suoi storici alleati europei. Negli Stati Uniti la maratona elettorale per la scelta dei candidati è iniziata con le primarie. (Gazzetta di Parma)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.