E' di Nettuno l'ultima cartolina del telescopio Webb dallo spazio

E' di Nettuno l'ultima cartolina del telescopio Webb dallo spazio
Altri dettagli:

Un Nettuno di alabastro: è la cartolina che ci spedisce oggi dallo spazio il telescopio James Webb. Gestito da Nasa, Agenzia spaziale europea e Agenzia spaziale canadese, il gioiello da 10 miliardi di euro, distante un milione e mezzo di chilometri dalla Terra, ci ha mostrato l'immagine più nitida del pianeta dai tempi di Voyager 2, la sonda che gli passò accanto nel 1989. Il gigante di ghiaccio è uno dei pianeti più misteriosi del sistema solare. (la Repubblica)

Ne parlano anche altre testate

I ricercatori della NASA hanno condiviso le prime immagini raccolte dal telescopio Webb che raffigurano il pianeta più esterno della nostra galassia: Nettuno (greenMe.it)

La cosa più sorprendente nella nuova immagine di Webb è la visione nitida degli anelli del pianeta, alcuni dei quali non venivano rilevati dai tempi di Voyager 2, il primo veicolo spaziale della Nasa ad osservare Nettuno durante il suo sorvolo nel 1989. (ilmessaggero.it)

Il telescopio spaziale James Webb continua ancora a stupire: stavolta il suo potente occhio placcato in oro ha distolto lo sguardo dall’universo profondo e lo ha rivolto verso il Sistema solare, catturando le sue prime immagini del più remoto dei pianeti che ne fanno parte: Nettuno. (Media Inaf)

"Il gigante di ghiaccio ha gli anelli. James Webb ci ha mostrato Nettuno, l'unica immagine era di 30 anni fa"

Il sofisticato dispositivo delle agenzie spaziali americana ed europea ha immortalato il gelido oggetto celeste in una insolita tonalità bianca (di solito appare blu) e con una nitidezza tale che si possono notare gli anelli. (Libero Tecnologia)

Il sistema di anelli di Nettuno fu scoperto nel 1968 grazie alle osservazioni di Edward Guinan dal Mount John Observatory in Nuova Zelanda, ma la conferma visiva della loro presenza la diede la sonda Voyager 2 nel 1989. (DDay.it)

Nettuno vestito di bianco invece che del suo solito blu, con gli anelli che lo avvolgono e la sua gelida atmosfera, con le nubi più alte a -200 °C. Il più grande mai realizzato, gestito da Nasa, Agenzia spaziale europea (Esa) e agenzia spaziale canadese (Csa). (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr