Down mondiale, ecco la causa: la CDN Fastly

Down mondiale, ecco la causa: la CDN Fastly
Punto Informatico ECONOMIA

La situazione è stata ripristinata da pochi minuti ed ora è disponibile anche una spiegazione al problema: il network Fastly.

Fastly: è caduta la CDN. I siti caduti poggiavano le proprie risorse (CSS, js, immagini o altro ancora) sui server della CDN Fastly, dove fin da metà mattinata hanno iniziato a segnalarsi problemi a livello di performance.

Fastly non ha al momento spiegato tuttavia la causa dell'accaduto, limitandosi a notificare il ripristino della situazione sulla “Content Delivery Network” ed il pieno recupero delle attività. (Punto Informatico)

Ne parlano anche altre fonti

Roma, 8 giu – Migliaia di siti risultano inaccessibili, tra cui quelli di diversi grandi media internazionali. Nel tentativo di caricare l’homepage di questi siti, appare infatti l’errore 503, che segnala che il server non è in grado di fornire il contenuto richiesto. (Il Primato Nazionale)

—> > > Ti potrebbe interessare anche Twitter Down, problemi con i server: cosa sta accadendo. Il motivo del down dei siti internet. Ma il disservizio è stato prontamente smentito dalla Tim, soprattutto quando è risultato evidente che il problema del down dei principali siti del mondo era generalizzato. (Ck12 Giornale)

Da questa breve introduzione, si comprende come il malfunzionamento di una CDN molto diffusa, come quella fornita da Fastly, possa causare malfunzionamenti su molti altri siti che solo apparentemente sembrano indipendenti. (HTML.it)

Internet, collassa la CDN Fastly: blocco senza precedenti su scala mondiale. Coinvolti Amazon, governi, Corsera e media di tutto il mondo

A quanto pare la causa del problema è un disservizio di Fastly, una delle più grandi CDN al mondo. La crescente centralizzazione dei principali servizi alla base delle infrastrutture di rete e dei siti internet negli ultimi mesi e anni ha dato più di qualche problema, sollevando diversi interrogativi sul futuro della rete (Today.it)

Siti web in tilt in tutto il mondo: cosa è successo (Getty Images). Bbc, Cnn e molti altri siti di grandi media internazionali sono diventati inaccessibili oggi 8 giugno per diverse ore. Anche il sito ufficiale del governo britannico registra problemi: l'accesso alla home page è infatti possibile, ma diverse operazioni sono bloccate. (Yahoo Notizie)

Dunque siti di giornali come Corriere della Sera, Gazzetta, New York Times, Financial Times, Spectator e Guardian e di network televisivi come la Cnn e Spectator e addirittura di colossi come Amazon. Un intoppo causato con assoluta probabilità dal crollo di una CDN (content delivery network) - ha colpito molti siti governativi - tra i quali quello dell'esecutivo britannico. (LiberoQuotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr