Oltre al Green Pass per viaggiare all'estero serve il PLF: cos'è e in quali casi compilarlo

Oltre al Green Pass per viaggiare all'estero serve il PLF: cos'è e in quali casi compilarlo
Prima Pavia INTERNO

A QUESTO LINK trovate invece l’elenco degli Stati che hanno adottato un proprio Plf nazionale e le tipologie di viaggio per cui è richiesta la certificazione.

Quali paesi richiedono il PLF. Il documento è richiesto dai seguenti Paesi: Belgio, Cipro, Croazia, Estonia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Spagna e Regno Unito.

Come riporta il nostro portale NewsPrima, tutti questi Stati richiedono il PLF sia per i viaggi in aereo, sia per quelli via mare sia per quelli via terra. (Prima Pavia)

Se ne è parlato anche su altre testate

Viaggi all'estero, i dubbi e le risposte alle domande. Viaggiare all'estero è possibile, ma bisogna partire informati e organizzati Il Plf italiano va compilato online collegandosi al sito https://app. (DOVE Viaggi)

(HelpMeTech)

Può essere chiesto a chiunque entri in uno dei Paesi dell’Ue ed è stato varato il 17 marzo 2021 dalla Commissione europea. Il modulo deve essere compilato prima dell’ingresso nel Paese in cui si intende recarsi, ovvero prima di imbarcarsi su nave o aereo. (Corriere TV)

Cos’è il Passenger locator form Videoscheda

Anche per andare in Portogallo, oltre al Green Pass è fondamentale compilare anche il modulo di localizzazione digitale. La variante Delta e il numero dei contagi in salita, però, stanno complicando le cose e alcuni paesi richiedono anche dei documenti in più. (Investire Oggi)

Il dPLF andrà inviato obbligatoriamente prima dell’imbarco. In alternativa, il passeggero potrà stampare una copia del dPLF da mostrare all’imbarco. (BergamoNews.it)

Accessori utili per viaggiare in comodità in auto su eBay. (HelpMeTech)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr