Prodi e Bonaccini a Ponte Alto «Questa è terra di rinascita»

Prodi e Bonaccini a Ponte Alto «Questa è terra di rinascita»
La Gazzetta di Modena INTERNO

Poi, una manciata di secondi dopo, è il turno di Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia Romagna, che si prende gli applausi degli oltre 400 spettatori.

Sono stati loro due i protagonisti della serata di ieri alla Festa dell’Unità nel dibattito moderato da Fabio Martini.

Poi continua, riflettendo sul ruolo del leader: «Oggi avere una figura centrale forte è importante perché è venuto meno il ruolo dei partiti

«C’è parecchia Emilia Romagna – esordisce Bonaccini – nel successo e nella rinascita. (La Gazzetta di Modena)

La notizia riportata su altri media

"Abbiamo anche verificato la disponibilità degli italiani ad avere un presidente della Repubblica donna. "Abbiamo chiesto il sentiment degli italiani sul Quirinale dando tre opzioni: riconferma di Mattarella, Draghi o un terzo nome. (Adnkronos)

Prodi commenta anche l’ipotesi che resti Sergio Mattarella: “Conoscendolo, se dice di non volere essere rieletto, sarà così. Con la bocciatura al Quirinale non ci sono problemi, non era cosa che facessi il Capo dello Stato, tutto qui. (L'HuffPost)

Seguita da Carlo Cottarelli al 24 per cento e Paolo Gentiloni al 23 per cento. Ultimi della classifica due ex presidenti del Consiglio: Mario Monti e Silvio Berlusconi che ottengono rispettivamente il 21 e il 18 per cento delle preferenze (Liberoquotidiano.it)

Una donna al Quirinale

Atlantista, ma ostinato coltivatore del multilateralismo, impegnato a trarre il meglio anche dal rapporto con i dittatori. Oppure la campagna alimentata da Forza Italia e dal centrodestra su Telekom Serbia. (ilmessaggero.it)

Dai risultati emerge la forza del cosiddetto voto d'opinione, che va oltre l'appartenenza: qui le promesse tradite si pagano a caro prezzo. Tra le domande dei sondaggisti di YouTrend in esclusiva per Gedi anche una sulle "figure di spicco" della politica italiana. (La Repubblica)

Si fanno continue discussioni su uomini meritevoli e si dimentica che fra le donne ci sono molti personaggi di straordinari meriti . Eppure ci sono ancora molti attaccamenti ad antichi privilegi che impediscono il pieno sviluppo di una democrazia dei generi. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr