Coronavirus, Niccolò rientra. Episodi di razzismo verso i cinesi

Coronavirus, Niccolò rientra. Episodi di razzismo verso i cinesi
TG2000 TG2000 (Interno)

Il servizio di Barbara Masulli

Published on Feb 13, 2020. In Italia sono stati dimessi i 20 turisti cinesi in quarantena all'ospedale Spallanzani.

Si sblocca intanto la situazione di Niccolò il ragazzo italiano rimasto a Wuhan

Su altre testate

Niccolò rimane bloccato a Wuhan: le autorità di Pechino hanno fermato l'aereo militare che avrebbe dovuto riportarlo in Italia. Pechino ferma l’aereo per Niccolò. Niccolò, lo studente friulano bloccato a Wuhan, doveva tornare in Italia venerdì 14 febbraio ma da Pechino l’aereo di rimpatrio è rimasto a tera. (Notizie.it )

Questi numeri sono aumentati anche perché è stato adottato un nuovo criterio di monitoraggio. In precedenza le infezioni venivano confermate soltanto con test il test dell’acido nucleico, ma questo metodo è piuttosto lento nella diagnosi. (CinaOggi)

Published on Feb 13, 2020. Coperta da capo a piedi, sotto questa tuta ingombrante c’è una dottoressa che, andando oltre le sue normali mansioni, sta ballando per aiutare i pazienti in quarantena a Wuhan (Fanpage.it)

Molti sono costretti a lavorare con il pannolone perché non hanno possibilità di andare in bagno durante il servizio, non avendo sufficienti tute da poter cambiare. "Mi ha mandato un video in cui si vede all'interno di un'ambulanza con otto pazienti sospettati di essere contagiati. (AGI - Agenzia Italia)

Ieri, la provincia di Hubei aveva riferito di un netti aumento dei casi di contagio, con oltre 14mila nuovi pazienti affetti dal virus Covid-19. Nella provincia di Hubei sono stati riportati 116 nuovi decessi e 4.823 nuovi casi di infezione. (QUOTIDIANO.NET)

"Speriamo di rendere l'atmosfera più positiva portando i pazienti a fare alcuni esercizi di respirazione e ballando di tanto in tanto", ha detto Chen Xiaoyan, capo infermiere dell'ospedale Zhongnan dell'Università di Wuhan, preoccupato che i pazienti possano sentirsi nervosi e cadere in depressione. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti