Mafia, operazione Alibante: avvocato Bagalà mente legale del clan

Mafia, operazione Alibante: avvocato Bagalà mente legale del clan
gazzettamatin.com INTERNO

3 maggio, ha disposto 19 arresti con 43 indagati, risulta indagato anche l’avvocato aostano Andrea Giunti, marito dell’avvocato Maria Rita Bagalà, contro la quale sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Secondo l’accusa, l’avvocato Maria Rita Bagalà, sotto la regia del padre Carmelo ”partecipava alla cosca”, garantendo ”l’amministrazione dei diversi affari illeciti”.

Lo scrive il gip di Catanzaro, Matteo Ferrante, nell’ordinanza di custodia cautelare sottolineando che l’avvocato, oltre a essere la ”mente legale del clan”, curava gli interessi economici e finanzieri del sodalizio

Indagato il marito di Maria Rita Bagalà, l'avvocato Andrea Giunti che è a piede libero. (gazzettamatin.com)

La notizia riportata su altri media

E questa cosa qui io la so… la so ufficiosamente, perché me l’ha riferita il maresciallo dei carabinieri”. L’indagato, secondo il gip, avendo avuto conoscenza dell’attività di indagine secretata ne ha dolosamente rivelato l’esistenza ai diretti interessati, pregiudicando l’attività tecnica in corso (Calabria 7)

Di più: del «sistematico asservimento del sindaco ai desiderata di Carmelo Bagalà» Fu così che «durante il periodo dell’ultima campagna elettorale (…) Mario e Alessandro Gallo, su incarico di Bagalà, hanno svolto campagna elettorale in favore di Giovanni Costanzo». (Corriere della Calabria)

Maria Rita Bagalà, secondo l’ufficiale, con le sue competenze tecniche “aiuta e implementa la capacità e la potenza della cosca nel territorio” La misura finanziaria è stata poi revocata “a seguito dell’interdittiva antimafia che colpiva la Calabria Turismo Srl” nel 2016, ma il suo stesso ottenimento integra – per gli inquirenti – ulteriori reati. (AostaSera)

'Ndrangheta: estorsione e corruzione, tocca l'Aretino la maxi operazione della dda di Catanzaro

Custodia cautelare ai domiciliari:. Maria Rita Bagalà, Lamezia Terme (52 anni);. Lamezia Terme (52 anni); Francesco Cardamone Vibo Valentia (40 anni);. Vibo Valentia (40 anni); Giovanni Costanzo Lamezia Terme (54 anni);. (gazzettamatin.com)

Una situazione riscontrata anche dai Carabinieri che, nel corso di un controllo, hanno anche accertato la presenza di Bagalà nel cantiere. I lavori di ristrutturazione subiranno il primo stop nel 2011 a causa di un sequestro penale della struttura per alcune irregolarità edilizie. (Corriere della Calabria)

Una figura marginale dunque all'organizzazione che - secondo l'ipotesi investigativa della Dda - avrebbe ricoperto ruoli di vertice in alcune società deputate a riciclare il denaro di provenienza illecita. (ArezzoNotizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr