Lega, la virata sul super green pass: dal «non ci stiamo» al voto favorevole

Lega, la virata sul super green pass: dal «non ci stiamo» al voto favorevole
Corriere della Sera INTERNO

In mattinata si è tenuta una videoconferenza tra il segretario Matteo Salvini, lo stesso Fedriga, il ministro Giorgetti, i capigruppo Molinari e Romeo.

Salvo far arrivare alle agenzie di stampa, con una concertazione sospetta, le note di Giorgetti, Fedriga e del responsabile enti locali Stefano Locatelli, unite nell’esprimere «perplessità» per il green pass rafforzato in zona bianca

Uno, in particolare, il tema di divisione: l’introduzione del green pass rafforzato nelle zone bianche da subito e senza limiti di tempo. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altre testate

La Lega annulla l’assembla: «Tenere botta fino a febbraio». Si punta a superare l’appuntamento cruciale col Quirinale. «Teniamo botta fino a febbraio», avrebbe detto Salvini, secondo quanto riportato da un retroscena del Messaggero, che si sofferma in particolare sulle difficoltà del Carroccio rispetto al tema No Vax e No Green pass. (Il Secolo d'Italia)

Fatto sta che nel corso del Consiglio dei ministri che oggi ha varato le norme sul Super Green pass e le misure anti-Covid per arginare la quarta ondata, c'è stato un confronto tra la ministra forzista Mariastella Gelmini e il leghista Giancarlo Giorgetti, entrambi nella coalizione di centrodestra. (Adnkronos)

Doveva essere l'occasione per "sancire, aggiornare e decidere i binari su cui viaggiamo", ovvero per definire la linea strategica del partito "A dicembre parleremo dell'Italia che andremo a governare dal 2023". (La Repubblica)

Super Green Pass, sconfessata la linea Salvini. In consiglio lite Giorgetti-Gelmini (che loda Fedriga)

Questo è lo spiffero che arriva dai palazzi della politica durante la giornata che segue all'approvazione del cosìddetto super green pass. La situazione è già complessa e prevedere il super green pass pure in zona bianca può renderla ancora più difficile da districare (il Giornale)

Controlli sul green pass anche sui mezzi pubblici, la gatta da pelare della Lamorgese. Inutile dire che i controlli del green pass ottenuto con tampone per chi prende bus e metro genereranno un caos infernale (Il Primato Nazionale)

E anche il richiamo del presidente del Consiglio dopo l’approvazione del decreto: “Per ricucire questa situazione di contrapposizione tra chi si vaccina e chi non si vaccina, bisogna che il governo sia compatto nelle sue determinazioni. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr