F1: dopo gli insulti razzisti ricevuti, FIA e Red Bull difendono Lewis Hamilton

F1: dopo gli insulti razzisti ricevuti, FIA e Red Bull difendono Lewis Hamilton
Altri dettagli:
OA Sport SPORT

Questa volta è la Formula 1 a doverne prenderne atto.

Come team siamo disgustati e tristi per gli abusi razzisti sui social di ieri verso Lewis dopo l’incidente con Max

Formula 1, Fia, piloti e team stanno lavorando per costruire uno sport più diversificato e inclusivo, e tali casi inaccettabili di abuso online devono essere evidenziati ed eliminati”.

Formula 1, Fia e Mercedes-AMG Petronas F1 Team condannano questo comportamento con la massima fermezza. (OA Sport)

Su altri giornali

Il direttore di gara Michael Masi ha ovviamente sottolineato che la bandiera rossa è stata sacrosanta: “Abbiamo preferito avere un approccio super cauto e le barriere andavano riparate, abbiamo visto in passato che neutralizzare la gara è necessario e abbiamo questo strumento (la bandiera rossa) perfetto per queste situazioni” (FormulaPassion.it)

Hamilton ironizza con Leclerc: “A voi il calcio a noi il Gp di Gran Bretagna”. Molto molto soddisfatto per il successo davanti alla sua gente, Lewis scherza sul confronto finale con Charles Leclerc per aggiudicarsi la vittoria. (Circus Formula 1)

Passata la rabbia, resta da fare la conta dei danni: fisici ed economici. Ma soprattutto, in un’ epoca di tetto ai costi, è una cifra significativa e che ci fa male” (FormulaPassion.it)

Tanabe: "Spariamo di salvare almeno il motore di Verstappen"

L’incidente del 18 luglio a Silverstone nel GP Gran Bretagna di Lewis Hamilton e Max Verstappen riporta alla mente i duelli rusticani più famosi del Mondiale di Formula 1. Riviviamo alcuni degli episodi più famosi (La Gazzetta dello Sport)

di Gran Bretagna, decima prova del Mondiale 2021 di Formula 1, ha regalato spunti di riflessione ed analisi per un'estrema pluralità di fattori. (Motorsport.com Italia)

"Spediremo il motore alla HRD di Sakura e faremo tutti i controlli del caso prima di prendere una decisione”. Una di queste è il danno che ha subito la Red Bull del pilota olandese: il telaio della RB16B sembra sia andato distrutto, mentre ci sono speranze di salvare il motore della Honda o qualche componente della power unit. (Motorsport.com Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr