Sofagate, tutti gli sgarbi alla Von Der Leyen. Draghi: 'Erdogan un dittatore'. E' scontro con la Turchia

Sofagate, tutti gli sgarbi alla Von Der Leyen. Draghi: 'Erdogan un dittatore'. E' scontro con la Turchia
Più informazioni:
Tiscali Notizie INTERNO

R. Resta in ogni caso il peso simbolico della questione di genere. Nel colloquio con Erdogan, ha sottolineato Bruxelles, von der Leyen ha parlato della Convenzione di Istanbul contro la violenza di genere, "e dei diritti delle donne".

Non si placa la bufera sul sofagate al palazzo presidenziale di Ankara, e diventa uno scontro diplomatico tra l'Italia e la Turchia con tanto di convocazione dell'ambasciatore italiano. (Tiscali Notizie)

Su altre testate

In entrambi i casi, dicono dalla Turchia, la delegazione Ue avrebbe deciso di mantenere più in disparte la presidente della Commissione. Secondo il portavoce dell’Esecutivo comunitario, Eric Mamer, von der Leyen avrebbe colto l’occasione per «parlare a Erdogan della Convenzione di Istanbul e dei diritti delle donne». (Open)

"Offendere la Von der Leyen significa offendere l'Unione Europea e quello che essa rappresenta nel mondo per la difesa dei diritti umani e delle donne. L'Europa è un faro per milioni di donne e uomini che vivono in Paesi dove non hanno gli stessi diritti che abbiamo noi", ha spiegato la deputata del Pd (Corriere TV)

Draghi ha commentato quanto accaduto ieri: "Non condivido assolutamente il comportamento del presidente turco Erdogan, mi è dispiaciuto moltissimo per l'umiliazione che la presidente Von der Leyen ha dovuto subire". (Fanpage)

Sofagate, Lorenzin e la sedia vuota a Montecitorio

Bisogna trovare un equilibrio giusto. Convocato ambasciatore italiano dopo parole di Draghi Nella conferenza stampa il presidente del Consiglio italiano ha definito Erdogan "dittatore". (Rai News)

Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. Mario Draghi ha dato uno schiaffo al «dittatore» turco. (La Stampa)

Ma quando Michel vede la scena apparecchiata dal protocollo neo-ottomano (una sola sedia per due ospiti), all’improvviso passa alla sinistra di Erdogan, e con un’improvvisa accelerazione sorpassa la collega, come se volesse arrivare primo all’unica e agognata poltrona. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr