Alzheimer: in Usa la Fda approva il primo farmaco contro la malattia in 20 anni

Alzheimer: in Usa la Fda approva il primo farmaco contro la malattia in 20 anni
Altri dettagli:
neXt Quotidiano SALUTE

Approvato da Fda il primo farmaco efficace contro il morbo di Alzheimer, aducanumab”.

È il primo farmaco dopo vent’anni che sembra poter aiutare i malati, ma non sarà per tutte le persone colpite da Alzheimer

È stato infatti approvato in Usa dall’Fda il primo trattamento anti-Alzheimer dopo quasi 20 anni.

Questo anticorpo monoclonale è il primo farmaco progettato per influenzare il decorso della malattia rallentando il deterioramento delle funzioni cerebrali e non solo per alleviare i sintomi. (neXt Quotidiano)

Su altri giornali

Dai laboratori di Biogen - e dell'Università di Zurigo - è uscito un farmaco potenzialmente in grado di incidere notevolmente sul sistema sanitario. Poiché i farmaci raramente arrivano alla maturità del mercato il caso dell'Aducanumab potrebbe rivelarsi come una vincita al lotto (Bluewin)

Gli investitori non pensavano che le azioni Biogen valessero un premio più elevato prima dell’approvazione dell’aducanumab. Lo stesso potrebbe accadere di nuovo, il che aprirebbe una migliore opportunità per acquistare il titolo (Invezz)

“Oggi è una giornata storica – commenta su Twitter il virologo Roberto Burioni -.Approvato da FDA il primo farmaco efficace contro il morbo di Alzheimer” La terapia consiste in una iniezione al mese per via endovenosa che nella terapia contro l’Alzheimer contribuirebbe a rallentare il declino cognitivo dei pazienti che si trovano allo stadio iniziale della malattia. (L'Osservatore d'Italia)

Morbo di Alzheimer, giorno storico: approvato primo farmaco dopo 20 anni

Oggi, si legge sul sito del ministero della Salute, i pazienti con demenza sono in Italia circa oltre 1 milione. E’ il primo farmaco che non lavora sull’aggressione alla malattia ma rallenta il decorso dei sintomi della demenza. (Metropolitano.it)

Il farmaco è un’infusione endovenosa mensile destinata a rallentare il declino cognitivo nelle persone con lievi problemi di memoria e di pensiero. (Infinity News)

Si tratta del primo trattamento che interessa il corso della malattia e non si limita ad aggredire i sintomi della demenza. Prende il nome da Alois Alzheimer, neurologo tedesco che per la prima volta nel 1907 ne descrisse i sintomi e gli aspetti neuropatologici (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr