In volo da Lugano a Tel Aviv: così il nonno lo ha riportato in Israele

In volo da Lugano a Tel Aviv: così il nonno lo ha riportato in Israele
Ticinonline INTERNO

Una decisione presa perché il piccolo era in cattive «condizioni mentali e fisiche», come ha spiegato in prima persona il 58enne ai suoi rappresentanti legali in Italia.

Il piccolo Eitan si troverebbe in questo momento in cura presso l'ospedale Sheba di Tel Aviv.

'è anche un risvolto ticinese nella vicenda del piccolo Eitan, il giovane superstite della tragedia del Mottarone, che stando ai familiari che lo avevano in affidamento sarebbe stato rapito dal nonno, che lo ha poi riportato in Israele a bordo di un jet privato. (Ticinonline)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Biran ha lasciato delle dichiarazioni alla stampa dopo che il nonno del bambino è fuggito col piccolo in Israele. Sono le parole di Aja Biran, la zia affidataria di Eitan: l’unico sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone (Inews24)

A cura di Giorgia Venturini. Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su Incidente Funivia Stresa-Mottarone ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI. "Eitan è stato rapito dal nonno materno e portato in Israele". (Fanpage.it)

Il piccolo Eitan nella cabina: l'ultima foto prima della tragedia. La zia materna. "Abbiamo agito per il bene di Eitan", ha invece affermato la zia materna Gali Peleg, sostenendo che "non lo abbiamo rapito, ma riportato a casa. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Eitan Biran, lo zio: «La sua vita è già difficile, non meritava altro dolore»

Quella dei nonni materni è stata una “mossa gravissima”, ha proseguito la tutrice del bambino, “un’altra tragedia per Eitan”. I nonni materni, in possesso del passaporto israeliano del piccolo, lo hanno portato in Israele senza avvertire gli zii paterni nella serata dell’11 settembre. (Virgilio Notizie)

Le avvisaglie c'erano state, con le dichiarazioni dello zio che ad agosto aveva sparato a zero sul sistema giudiziario italiano. «È evidente che ci sia stato un aiuto 'extra', se no non sarebbe stato possibile far uscire Eitan dall'Italia». (leggo.it)

«Lui non sa di essere stato portato via, insomma di essere stato rapito. Ma non è servito: sono venuti alle 11 del mattino (ieri, ndr) e avevano il diritto di stare con Eitan fino alle 18 (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr