Smantellata in Germania una rete di pedo-pornografia con 400mila iscritti

Smantellata in Germania una rete di pedo-pornografia con 400mila iscritti
Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente ESTERI

Ha aggiunto: “Faremo tutto ciò che è in nostro potere per proteggere i bambini da questi crimini rivoltanti”

Il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer ha ringraziato le autorità di sicurezza per il loro successo nello smantellare la piattaforma.

Usata dai pedofili per scambiare e guardare contenuti pedopornografici dove abusi sessuali erano commessi su bambini anche molto piccoli, in gran parte maschi, in tutto il mondo. (Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente)

La notizia riportata su altri media

Come funzionava la rete Boystown. La rete Boystown contava 400mila adepti, provenienti da ogni parte del mondo. 400mila: è questo il numero degli iscritti alla più grande piattaforma internazionale di scambio di materiale pedopornografico. (greenMe.it)

Su Boystown uno scambio mondiale di registrazioni di abusi su minori. “Boystown”: una piattaforma di 400.000 membri. La piattaforma, disponibile ovviamente solo sul darkweb, aveva più di 400.000 membri e su di essa circolavano filmati e contenuti relativi a gravi abusi sessuali su bambini, anche molto piccoli. (il Mitte)

Un grande successo investigativo di cui il governo tedesco e in particolare il ministro dell'Interno Horst Seehofer si sono detti molto soddisfatti. Dopo mesi di indagini avvenute in collaborazione con gli organi investigativi di Olanda, Svezia, Australia e Canada, e sotto il coordinamento dell'Europol. (laRegione)

Sgominata in Germania una rete di pedofilia con 400mila iscritti

Quest’ultimo, dopo essersi accorto dell’inganno, è improvvisamente sparito cancellando il falso account dal web. A tal proposito, sono sempre di più coloro che approfittano di questa voglia di partire, per tendere delle truffe ai danni delle ignare vittime. (Minformo)

Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. (tvsvizzera.it)

Gli imputati, come riferisce l’emittente radiotelevisiva “Ard”, sono già stati arrestati a metà aprile, in seguito alla perquisizione delle loro abitazioni. (Photo by Sean Gallup/Getty Images). Si tratterebbe, secondo la polizia tedesca, della più grande piattaforma pedopornografica del mondo. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr