BCE conferma politica accomodante. Lagarde: “Rischioso e prematuro ritiro stimoli”

BCE conferma politica accomodante. Lagarde: “Rischioso e prematuro ritiro stimoli”
QuiFinanza ECONOMIA

Un accenno anche alla necessita di mantenere politiche fiscali “ambiziose e coordinate”, poiché ” un ritiro prematuro dei sostegni rischierebbe di indebolire la ripresa e di amplificare gli effetti nel lungo termine”.

La BCE conferma che il Piano sarà condotto “a un ritmo significativamente più elevato rispetto ai primi mesi dell’anno”, ma “in maniera flessibile”

editato in: da. La BCE si conferma fortemente accomodante e Christine Lagarde una colomba. (QuiFinanza)

Su altre fonti

"Non c'è alcun bisogno di modificare una politica monetaria che sta funzionando", ha detto Villeroy ai microfoni di Radio Classique. Kiyoshi Ota/Pool via REUTERS. PARIGI (Reuters) - L'inflazione è in aumento nella zona euro ma resta al di sotto dell'obiettivo della Banca centrale europea, che deve proseguire con la politica monetaria accomodante. (Investing.com)

L’inflazione non è un problema, anzi è ancora molto lontana dall’obiettivo della Bce (poco al di sotto del 2%). L’economista teme d’altronde che l’inflazione Usa possa confermarsi superiore al 4% fino al primo trimestre del 2022, a fronte di un’inflazione core che è improbabile che scenda sotto il 3% fino al secondo trimestre dell’anno prossimo” (Finanzaonline.com)

Secondo Christine Lagarde, gli indicatori puntano a una «ripresa considerevole» nel secondo trimestre che si rafforzerà nella seconda parte dell’anno. L’inflazione infatti nell’Eurozona dovrebbe «aumentare ulteriormente nella seconda parte dell’anno e poi rallentare», ha sostenuto Christine Lagarde. (Notizie - MSN Italia)

Inflazione Usa sale al 5%, è l’aumento più forte dal 2008

In onore degli Europei ormai alle porte, quanto deciso dal board Bce può essere condensato con una formula calcistica: l’importante è portare a casa i 3 punti. Stando a fonti non smentite, tre membri del board avrebbero infatti votato contro. (Money.it)

Intesa Sanpaolo (-0,5%) ha invece incassato un downgrade, con il rating che scende a neutral (target price fermo a 2,6 euro) Nessun cambio di marcia per Piazza Affari e principali listini europei, che continuano a muoversi poco sotto la parità. (Yahoo Finanza)

Oggi la Banca centrale europea ha alzato le stime d’inflazione per il 2021 e 2022. Su base annua i prezzi al consumo sono cresciuti del 5%, anche in questo caso sopra il 4,7% su cui scommetteva il mercato. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr