Hanno preso in giro gli italiani e ora fanno la voce grossa: i grandi responsabili del disastro Alitalia | Marco Rizzo

Hanno preso in giro gli italiani e ora fanno la voce grossa: i grandi responsabili del disastro Alitalia | Marco Rizzo
Radio Radio ECONOMIA

Non ci sono andato perché c’erano i sindacalisti confederali che facevano la voce grossa

Ci sono stato sempre: sotto i Ministeri, sotto via Veneto, sotto via XX settembre, da tutte le parti.

La prima cosa da fare è chiedersi se l’Unione Europea ha un trattamento particolare o no nei confronti del nostro Paese.

Intendiamoci, Alitalia è un carrozzone dove politica e sindacati hanno ‘magnato’ alla grande e hanno combinato disastri incredibili. (Radio Radio)

Se ne è parlato anche su altre testate

Da un lato il prestito ponte da 900 milioni (+350 milioni d’interessi) concesso nel 2017 all’ex compagnia di bandiera è illegale e va recuperato, dall’altro Ita ha semaforo verde per decollare ed essendo in "netta discontinuità" con Alitalia non ne eredita le pendenze. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Il Governo deve entrare in campo e dal confronto al Mef deve partire il sui coinvolgimento della trattativa […]“ Gli aiuti illegittimi dovranno essere recuperati dall’Italia presso Alitalia, per contribuire a ripristinare condizioni di parità nel settore europeo dell’aviazione […]. (News Mondo)

Per Bruxelles, i due finanziamenti concessi nel 2017 si configurano come aiuti di Stato e dovranno essere restituiti dalla vecchia compagnia. L’Italia si è inoltre impegnata a utilizzare solo un numero di slot di decollo e atterraggio di Alitalia commisurato alla capacità di volo di Ita”. (L'agone)

Alitalia: Vertice positivo con il governo. Si apriranno due tavoli | Articoli

I concorrenti di Alitalia sono delusi dalla successione della vecchia compagnia al marchio Aitalia IDA – aerei, sedi aeroportuali e – se la nuova compagnia vince l’asta. Quanto ai problemi finanziari di Aitalia, non è possibile che la Roma recuperi effettivamente 900 900 milioni. (AstiNotizie.it)

Abbiamo quindi concluso che l’intervento italiano in ITA non costituisce aiuto di Stato ai sensi della normativa UE” Quanto a ITA, Vestager ha osservato come “la nostra valutazione del piano industriale di ITA ha mostrato che l’Italia sta investendo in ITA in linea con le condizioni di mercato. (L'Aquila Blog)

Alitalia, Serbassi (Fast-Confsal): "Positiva l'apertura di due tavoli promessa dal governo". Si tratta di un percorso che mette fine alla confusione che si era creata in questi giorni tra la trattativa sulle regole d'ingaggio per i nuovi assunti di ITA e le necessarie tutele per coloro che restano nella società in amministrazione straordinaria. (AGR Web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr