Didattica a distanza, una professoressa: “A volte mi sento una pazza” – Ascolta il podcast – L'Arno.it

Didattica a distanza, una professoressa: “A volte mi sento una pazza” – Ascolta il podcast – L'Arno.it
il Giornale INTERNO

Fatecelo sapere partecipando alla conversazione nei commenti o sui nostri profili social:. Facebook: https://www.facebook.com/larno.it. Twitter: @WhatsupTuscany

Con i programmi già ridotti all’osso, il rischio di perdere un’intera generazione è molto alto.

L’impersonalità della DAD fa sognare a molti di poter andare presto in pensione.

ASCOLTA LA STORIA SUL PODCAST. Solo chi ha alle spalle un background solido riesce a rimanere a galla: gli altri non possono che restare indietro, nonostante l’impegno dei genitori. (il Giornale)

Se ne è parlato anche su altri media

Tutti i documenti, più o meno cartacei, che ogni giorno devono essere prodotti dove andrebbero a finire senza gli insegnanti di ogni ordine e grado? Senza i docenti che impazziscono a cercare di capire cosa far fare di veramente utile ai propri alunni (e a riempire ulteriori moduli), come potrebbe sopravvivere il nostro Paese? (Il Sussidiario.net)

Restano salve le autonome iniziative dei Dirigenti Scolastici in ordine all’organizzazione della didattica a distanza e smart-working Le altre scuole rimangono in Dad. (Il Cirotano)

Alcuni sindaci, infatti, hanno firmato alcune ordinanze restrittive che fanno slittare il ritorno in presenza degli alunni tra i banchi. Anche a Casamarciano attività didattica in presenza sospesa dal 7 al 17 aprile, come stabilito dall'ordinanza del sindaco Carmela De Stefano. (NapoliToday)

Scuola, domani in classe 2 studenti su 3

E c’è preoccupazione per i ragazzi. Alla Nigra abbiamo iniziato per primi, a settembre, poi abbiamo dovuto lasciare a casa le seconde e le terze medie. (La Stampa)

Con la quasi totalità degli alunni in presenza (82-83%) le Isole: la Sicilia con 614.891 e la Sardegna con 170.004 A partire dal 2 marzo invece il numero degli studenti a scuola ha oscillato tra 800mila e 1,6 milioni, con una isolata punta di 2,8 milioni (il 6 marzo). (Adnkronos)

Se uno studente è positivo. Nelle scuole primarie e secondarie i compagni di un alunno positivo sono considerati tutti contatti stretti. In caso di variante, Ats sottoporrà il caso a tampone molecolare in sostituzione dell’intigenico. (Prima Lodi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr