**Violenza su donne: Mattarella, 'ancora molta strada da fare, ma eliminarla è essenziale'**

**Violenza su donne: Mattarella, 'ancora molta strada da fare, ma eliminarla è essenziale'**
LiberoQuotidiano.it INTERNO

Lo ha detto il capo dello Stato Sergio Mattarella in occasione della giornata per l'eliminazione della violenza contro le donne.

"Resta ancora molta strada da fare, ma occorre continuare ad operare, individualmente e con azioni collettive, perché eliminare la violenza sulle donne è un obiettivo essenziale per il nostro vivere in comune", ha spiegato Mattarella

25 novembre 2021 a. a. a. Roma, 25 nov (Adnkronos) - "La prevenzione della violenza richiede ascolto, interventi, reti di sostegno e in molti casi strumenti per offrire alle donne un'alternativa di vita libera. (LiberoQuotidiano.it)

Ne parlano anche altri media

La data del 25 novembre segna anche l’inizio dei “16 giorni di attivismo contro la violenza di genere” che precedono la Giornata mondiale dei diritti umani Se mi uccideranno, farò uscire le mie braccia dalla tomba e sarò più forte”, diceva poco prima di morire Minerva Mirabal. (Livesicilia.it)

Già nel 1981, gli attivisti dei diritti femminili scelsero il 25 novembre come giorno contro la violenza sulle donne, in ricordo del terribile evento. Tra le violazioni dei diritti umani, la violenza perpetrata sulle donne è una delle più diffuse. (Today)

Violenza contro le donne: il progetto "Questo non è amore" 2021. La Polizia di Stato presenta la campagna di prevenzione permanente "Questo non è amore", i cui contenuti sono racchiusi in un opuscolo informativo elaborato dalla Direzione centrale anticrimine (Poliziamoderna.it)

È il corpo delle donne a essere costantemente sotto scacco, anche in ambito sanitario

Il tema della lotta alla violenza sulle donne va affrontato “con grande determinazione, serietà e impegno”. La panchina rossa scoperta oggi a Milano, fa sapere infine Stefanini, è “la terza che inauguriamo come Gruppo Unipol, dopo quelle di Bologna” (LaPresse)

Sono 89 le Donne al giorno che in Italia denunciano maltrattamenti. È nella famiglia, dunque che si svolge, purtroppo, prevalentemente la violenza sulle Donne. (newSpam.it)

Il ruolo della figura sanitaria in una visita, nel corso del parto o durante una procedura di aborto dovrebbe essere empatico, rispettoso e informativo. È il corpo delle donne a essere costantemente sotto scacco: violenze fisiche e verbali, abuso sessuale, manipolazione, molestie, aggressioni, molestie che diventano aggressioni e ogni forma di violenza in ambito sanitario. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr