Messina, lavoro in nero nel trasporto pubblico con il reddito di cittadinanza: sanzioni

Messina, lavoro in nero nel trasporto pubblico con il reddito di cittadinanza: sanzioni
Giornale di Sicilia INTERNO

Inoltre uno dei due risultava inoltre essere beneficiario del reddito di cittadinanza.

Inoltre uno dei due percepiva il reddito di cittadinanza.

Due persone sono state sanzionate dalla polizia stradale di Messina perché sono state sorprese a lavorare nel settore dei servizi di trasporto di linea di persone su strada mediante autobus pur non essendo assunti.

Dall’esame della documentazione esibita e dalle dichiarazioni rese dal personale delle aziende, è emerso che due persone non risultavano essere alle dipendenze della ditta sebbene vi prestassero attività lavorativa. (Giornale di Sicilia)

Ne parlano anche altre fonti

Si è quindi proceduto, in attesa dell’esito di ulteriori accertamenti in corso, alle relative sanzioni I successivi approfondimenti eseguiti con la consultazione di banche dati hanno per-messo di appurare che uno dei lavoratori risultava inoltre essere beneficiario del reddito di cittadinanza. (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Per la coppia è dunque scattato l’arresto, e in mattinata si sono presentati in tribunale per la direttissima davanti al giudice Valerio de Gioia, che ha stabilito oltre alla misura di custodia cautelare in carcere anche la revoca del reddito di cittadinanza, così come previsto dal decreto legge del 28 gennaio 2019 (RomaToday)

Dimensioni testo Piccolo. Normale. Grande. Sempre meglio che lavorare: una delle definizioni del giornalismo attribuita a Luigi Barzini, poi diventato il titolo di un collage di articoli di Luca Goldoni più o meno trent’anni fa. (Nicola Porro)

Lavora in nero in una ditta di trasporto nonostante il reddito di cittadinanza

Le date, comunque, sono orientative: il pagamento del Reddito di Cittadinanza, infatti, può avvenire un giorno prima o dopo quanto segnalato. Il reddito di cittadinanza viene tuttavia pagato prima (a partire a ogni 15 del mese) per i nuovi beneficiari del reddito di cittadinanza, per coloro che hanno chiesto il rinnovo. (Gazzetta del Sud)

Una vicenda che smonta, qualora ce ne fosse bisogno, la narrazione secondo cui la mancanza di lavoratori stagionali è causata dal reddito di cittadinanza, o peggio dalla pigrizia delle nuove generazioni. (Today.it)

E' quanto appurato dalla polizia stradale durante specifici controlli insieme all'Ispettorato del Lavoro. Dall’esame della documentazione esibita e dalle dichiarazioni rese dal personale delle aziende, due persone non risultavano essere alle dipendenze della ditta sebbene vi prestassero attività lavorativa. (MessinaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr