Social: l'intervento del Garante Privacy sul furto dati da Facebook

Social: l'intervento del Garante Privacy sul furto dati da Facebook
Informa SCIENZA E TECNOLOGIA

Approfondimenti

Un tale evento potrebbe essere il segnale che un criminale si è impossessato del nostro numero di telefono per usarlo a scopo fraudolento.

Il Garante avverte chiunque sia entrato in possesso dei dati personali provenienti dalla violazione che il loro eventuale utilizzo, anche per fini positivi, è vietato dalla normativa in materia di privacy, essendo tali informazioni frutto di un trattamento illecito. (Informa)

Se ne è parlato anche su altri media

E dall’altra parte lancia un messaggio preoccupato e preoccupante agli utenti stessi: attenzione al cellulare. A tal punto che il Garante per la privacy ha sentito il bisogno di intervenire dopo la notizia del furto dei dati di milioni di utenti iscritti a Facebook (di cui vi abbiamo riferito in questo articolo). (La Legge per Tutti)

Un nuovo attacco a Facebook ha spinto nelle mani di hacker i dati di 533 milioni di utenti di 106 nazioni di tutto il mondo, di cui 35 milioni italiani. Ora sono in molti a chiedersi se il proprio profilo è stato oggetto di violazione nell’ambito del massiccio furto di dati. (Scienzenotizie.it)

Questo è un dato certamente, poi ce ne sono anche altri come l'andamento delle vaccinazioni delle classi a rischio". Tutti chiedono aperture ed è normale chiederle, perché la miglior forma di sostegno non è quella che dà il governo ma sono le riaperture". (Yahoo Notizie)

Furto di dati da Facebook: il Garante chiede al social di adottare misure per limitare i rischi

Sono quindi frutto di un'attività di scraping ovvero di raccolta delle informazioni direttamente dalle pagine web servite da Facebook. "".Facebook ha comunque precisato che non era possibile estrarre password, informazioni sullo stato di salute o dati finanziari e che il problema è stato ormai risolto da tempo (IlSoftware.it)

Sebbene le informazioni sembrano essere vecchie di diversi anni, si tratta di un altro esempio della grande mole di dati raccolti da Facebook e altri social media. Per iscriversi al canale e per i link citati nel video: https://youtu. (epochtimes.it)

In questo caso è importante contattare immediatamente il call center del proprio operatore telefonico per verificare le ragioni del problema e, in particolare, per verificare che terzi, fingendosi noi, non abbiano chiesto e ottenuto un trasferimento della nostra numerazione su un’altra SIM. (Il Domani d'Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr