Sette pazienti Covid in terapia intensiva, ripartono le operazioni Calano anche i contagiati: ieri 21 in tutto il Fermano

Sette pazienti Covid in terapia intensiva, ripartono le operazioni Calano anche i contagiati: ieri 21 in tutto il Fermano
il Resto del Carlino INTERNO

I numeri di ieri parlavano di sette pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 31 a malattie infettive, 28 a medicina Covid e nessuno in attesa al Pronto soccorso.

Di ieri la notizia che sono stati liberati quattro posti di terapia intensiva che tornano ‘puliti’, dedicati cioè alle patologie no Covid.

Torna a respirare l’ospedale Murri, si ridimensiona lo spazio dedicato al Covid e si torna a fare interventi chirurgici. (il Resto del Carlino)

La notizia riportata su altri giornali

DOTTOR TONILO. SISTEMA PRENOTAZIONI 115mila prenotazione fatte dallo scorso 1 aprile. Finche’ non caleranno i ricoveri non calerà nè il numero dei pazienti in terapia intensiva e dei decessi. (Radio Più)

La situazione nelle terapie intensive. In conclusione l'aggiornamento sulle terapie intensive del Veneto del dottor Paolo Rosi: «La situazione è stabile dal punto di vista clinico, ma inquietante dal punto di vista gestionale. (TrevisoToday)

Seconde case: sarà sempre possibile raggiungere le seconde case, anche in zona rossa, a patto che non ci siano però ordinanze dei presidenti di Regione che impongono regole più restrittive «Diminuiscono i casi e i ricoveri, mentre aumentano le terapie intensive e i decessi. (Corriere della Sera)

Le Regioni con terapie intensive oltre la soglia critica: l’elenco aggiornato

a regione del Veneto ha distribuito il report con il monitoraggio sull’andamento dell’occupazione dei letti di terapia intensiva in Veneto in relazione ai ricoveri per Covid-19. (Radio Più)

Le regioni in cui le terapie intensive sono sotto pressione. Come abbiamo visto, a livello nazionale le terapie intensive sono occupate al 41%, sopra la soglia d’allerta fissata al 30%. Passerà del tempo prima che si svuotino le terapie intensive, anche in area medica la percentuale tende a crescere (Fanpage.it)

Sopra la soglia infine anche il Molise (38%), la Liguria (36%), l’Abruzzo (33%), l’Umbria 32%). (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr