Cultura, annunciata la cinquina dei finalisti del Premio Strega

Cultura, annunciata la cinquina dei finalisti del Premio Strega
Rai News CULTURA E SPETTACOLO

La proclamazione del vincitore dello Strega 2021 si terrà come di consueto al Ninfeo di Valle Giulia a Roma l'8 luglio

La 75a edizione Cultura, annunciata la cinquina dei finalisti del Premio Strega Il romanzo vincitore reso noto l'8 luglio. Condividi. Sono stati annunciati al Teatro Romano di Benevento i cinque finalisti del Premio Strega 2021.Sono Emanuele Trevi con "Due vite" (Neri Pozza) con 256 voti, Edith Bruck con "Il pane perduto" (La nave di Teseo) con 221 voti, Donatella Di Pietrantonio con "Borgo Sud" (Einaudi) con 220 voti, Giulia Caminito con "L'acqua del lago non è mai dolce" (Bompiani) con 215 voti e Andrea Bajani con "Il libro delle case" (Feltrinelli) con 203 voti. (Rai News)

Ne parlano anche altri media

Sono questi i cinque finalisti della LXXV edizione del Premio Strega, il concorso letterario più ambito d’Italia istituito nel 1947 dalla Fondazione Bellonci, in collaborazione con il Liquore Strega di Benevento (anteprima24.it)

in foto: I 5 finalisti del Premio Strega. Sono stati nominati i cinque finalisti del Premio Strega 2021, proclamati con una diretta Rai dal Teatro Romano di Benevento, in una serata presentata da Gigi Marzullo che vedeva presenti i 12 semifinalisti del principale premio letterario italiano e del pubblico. (Fanpage.it)

Il giorno dopo l’eliminazione dalla cinquina del Premio Strega Teresa Ciabatti è salita su un treno ed è tornata a Roma, mentre i vincitori prendevano la direzione di Bisceglie, in Puglia, per proseguire il tour di presentazioni in giro per l’Italia in vista della finale dell’8 luglio. (la Repubblica)

Premio Strega 2021, la cinquina della finale con un po’ di sorprese

In quarta posizione, a brevissima distanza, incalza Giulia Caminito con L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani, 215 voti). Sorpresa nella sorpresa, Teresa Ciabatti con Sembrava bellezza (Mondadori) scivola al settimo posto con 139 voti dietro a Lisa Ginzburg che con Cara pace (Ponte alle Grazie, 141 voti). (la Repubblica)

Una semifinale sorprendente che ha stravolto ogni pronostico: Teresa Ciabatti, favorita per la grande corsa verso la vittoria è rimasta fuori dalla cinquina. Sul podio Emanuele Trevi con Due Vite (Neri Pozza, 256 voti), romanzo che racconta la storia dell'amicizia dell'autore con Rocco Carbone e Pia Pera, scrittori prematuramente scomparsi (La Repubblica)

Così ad occhio un paio di dati interessanti rispetto all’affermazione di etichette “minori” sul podio del più importante premio letterario italiano. Non poche le sorprese a ridosso dell’ultimo gradino per scremare i dodici candidati di ieri ai cinque della finale. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr