Danone: strepitose offerte di lavoro in varie sedi d’Italia, la candidatura è semplice

Danone: strepitose offerte di lavoro in varie sedi d’Italia, la candidatura è semplice
Informazione Oggi SPORT

Il secondo ruolo è quello di Marketing Trainee.

Gli interessati alle proposte di Danone possono dare un'occhiata alla pagina "Lavora con noi" del sito dell'azienda.

I lavori richiesti da Danone, tutti i requisiti necessari. Entrando nel dettaglio delle proposte di Danone, sappiamo che l'azienda francese è alla ricerca di tre profili professionali.

Infine, il terzo ed ultimo profilo ricercato è quello del Trade Marketing Trainee. (Informazione Oggi)

Su altri giornali

La giovane, che frequenta il Terza Media alla ‘Italo Calvino’, per mesi ha seguito la didattica a distanza in strada, prima da sola e poi insieme ad altri studenti, davanti all’istituto di via Sant’Ottavio e in piazza Castello, davanti alla Regione. (Orizzonte Scuola)

Docenti fragili, adesso iniziano i problemi? Tuttavia, se non si porrà in essere una ulteriore proroga a questa misura, diventerà impossibile stabilire come un lavoratore in condizioni di salute fragili potrà svolgere in presenza la sua mansione (Scuolainforma)

La scuola primaria avrà la settimana corta dal lunedì al venerdì per consentire una migliore organizzazione, con 27 ore divise in 30 fasce orarie di 54 minuti. "Il 28 settembre", informa il Dirigente Sandra Di Gregorio, " sarà invece attivo un Hub vaccinale alle Paolucci per avviare un piano vaccinale per gli over 12 anni, in sintonia con la Asl, il Prefetto. (Histonium.net)

Alunno resta bocciato: Tar Puglia boccia il ricorso dei genitori: “Era impreparato. La Dad non c’entra”

Abbiamo un piano specifico - ha concluso il ministro dell'Istruzione - con tutte le condizioni rischiose già previste Ma non è più fattibile chiudere tutte le scuole della regione se c'è un problema in una scuola. (Gazzetta del Sud)

Quest’ultima, però, come sottolineano i giudici amministrativi, è stata scelta proprio dalla famiglia del ragazzo dopo l’ordinanza emanata dal presidente della Regione Puglia. Per il Tar, quindi, “la delibera di non ammissione dello studente alla classe successiva è immune dai censurati vizi di legittimità” e “non si rileva alcun errore sui presupposti, né difetto di motivazione o carenza istruttoria” (Il Quotidiano Italiano - Bari)

Nella sentenza i giudici amministrativi spiegano che “lo studente ha fruito della didattica digitale integrata cogliendo l’opzione dell’attività in presenza, su precisa scelta della famiglia, a seguito dell’ordinanza del presidente della Regione Puglia“. (Orizzonte Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr